Morte Emiliano Sala: è stato avvelenato col monossido di carbonio

Emiliano Sala, attaccante ex Nantes morto qualche mese fa
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Svolta nel caso Emiliano Sala. L’attaccante, ex Nantes, è stato avvelenato col monossido di carbonio prima di precipitare in mare. Le nuove circostanze sono state appurate da un’attenta analisi autoptica del corpo, in cui si è scoperto un elevato tasso di monossido di carbonio nel sangue.

La sostanza ha provocato uno svenimento o, addirittura, un arresto cardiocircolatorio all’organismo del giocatore. Il corpo del pilota non è stato ancora ritrovato, ma si pensa che sia stata questa la conseguenza della perdita del controllo del velivolo. Di seguito le parole dell’avvocato della famiglia Sala ai microfoni del Daily Mail“La quantità di monossido di carbonio trovata nel sangue di Emiliano apre nuovi quesiti. Come sia morto verrà determinato dall’indagine attualmente in corso. La famiglia di Emiliano crede che sia fondamentale una dettagliata analisi dell’aeroplano. Il mondo deve sapere in che modo il monossido di carbonio sia potuto penetrare nella cabina dell’aereo, per questo la famiglia del giocatore esige che il velivolo sia recuperato al più presto”.

 

COMMENTA L'ARTICOLO