Maresca: “Guardare Guardiola da vicino ha arricchito le mie conoscenze”

Fonte foto: Profilo Twitter Manchester City
Sorry! You are blocked from seeing ads

L’ex calciatore, Enzo Maresca, attualmente allenatore dell’under 23 del Manchester City da agosto 2020, con il quale sta lottando per il titolo, ha rilasciato un’intervista a Sky Sport:

Pellegrini era stato appena esonerato dal West Ham. Ero il vice, cercai di approfittare del tempo libero per studiare il calcio di Pep. L’idea accademia fu successiva, mi veniva offerta una chance unica. Il primo incontro con Guardiola avvenne dopo un Barcellona-Malaga. Pep mi parlò dei tempi di Brescia e di Mazzone. A Manchester il rapporto si è consolidato. Abbiamo orari di allenamenti diversi e quando posso seguo da vicino il suo lavoro. La cosa che più mi colpisce di lui è la ricerca continua di soluzioni e la sua energia. La Premier lo logora, ma lui ogni giorno scende in campo con una carica incredibile. Ho un’idea di calcio e approdare al City mi ha permesso di arricchire le mie conoscenze. Ai tempi di Malaga Manuel Pellegrini mi disse: ‘Quando smetti, dovrai allenare’. Quando smisi di giocare, la prima cosa che feci fu andare a trovare Sacchi. Passai con lui mezza giornata a parlar di calcio: quell’incontro è una tappa fondamentale della mia vita. La mia passione per gli scacchi? La scintilla scoccò in Spagna. Ho seguito corsi e letto dei libri. La mia tesi al Supercorso di Coverciano si chiama “Il calcio e gli scacchi”. Ci sono molte affinità. Le più importanti: il gioco posizionale e le strategie. Per un tecnico è importante possedere la mentalità dello scacchista: elaborare un piano, studiare le contromosse, scegliere la disposizione delle pedine”.

FONTE: sport.sky.it

 

LEGGI ANCHE: Kalulu dopo il pareggio con l’Udinese: “Fare di più…”

SEGUICI SU

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads