Foto: profilo Twitter Chelsea

L’attaccante belga Romelu Lukaku ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni ufficiali del Chelsea, spiegando le ragioni del suo ritorno Stamford Bridge dopo ver già indossato la maglia dei blues quando aveva 18 anni.

CHELSEA PRIMA PARTE – “È stato doloroso e utile, ma direi più utile perché mi ha dato la mentalità e la mentalità di cui avevo bisogno per diventare il giocatore che sono oggi. La squadra è stata molto brava, ma nessuno vedeva il lavoro extra che facevano dopo gli allenamenti. A 18 anni, ho visto in prima persona ogni giorno quanto i giocatori hanno lavorato. In quel momento ho capito che era quello che dovevo fare per diventare questo tipo di giocatore. Mi sono detto “quando non gioco, questo è quello che farò” e praticamente è diventato uno stile di vita”.

CHELSEA, IL RITORNO – “Sapevo che sarei migliorato come giocatore, quindi era solo questione di tempo. Ho avuto due occasioni per tornare, nel 2016 e nel 2017, ma non è successo per vari motivi. Alla fine è successo perché ora è il momento giusto, l’età giusta, la squadra sta facendo bene e c’è tutto perché abbia successo. Ora sono molto più calmo, sono maturato con la paternità e sono più rilassato. Dopo aver vinto in Italia e sapere cosa serve per arrivarci, questo mi ha davvero aiutato. Negli ultimi tre anni, sono stato in grado di costruire qualcosa che posso affrontare per il resto della mia carriera”.

TALENTO – “Ho riconosciuto le mie piccole qualità e il mio talento, ma sapevo anche in cosa non ero bravo e ho passato molto tempo a lavorare su quello per diventare più completo. Sono molto contento dell’opportunità e abbiamo iniziato davvero bene come squadra. I miei compagni mi hanno reso la vita molto facile e l’allenatore sta facendo un ottimo lavoro. Le nostre prestazioni sono state buone ma siamo sempre alla ricerca della prossima sfida”.

Fonte: chelseafc.com

Leggi anche: Milan, che botta! Out Maignan per infortunio: dovrà operarsi al polso sinistro

Articolo precedenteMaignan, l’infortunio è un problema serio: l’agente di Mirante si lascia scappare la verità
Articolo successivoRoma, Ibanez: “Pensiamo da giorni alla Juve. Il mio cognome? Scelta di marketing”