La maglia fatta con il caffè nel club più verde del mondo

Sorry! You are blocked from seeing ads

Di questi tempi l’attenzione alle tematiche ambientali e ai progetti ecosostenibili non è mai troppo poca. In ambito calcistico diversi club nel mondo stanno adottando progetti e politiche avendo a cuore anche l’ambiente. Per scoprire l’ultima trovata dobbiamo fare un viaggio in Inghilterra, precisamente a Nailsworth dove ha sede il Forest Green Rovers Football Club, club militante in League Two, la quarta divisione inglese. La squadra, allenata da Mark Cooper, lotta per la promozione in League One (attualmente al terzo posto con 54 punti, a -2 dal Cheltenham) e, nello scorso weekend, è scesa in campo con le nuove maglie. Nulla di strano direte, se non che le maglie siano state ricavate da fondi di caffè (tre tazze per fare una maglietta). Nello specifico il 35 % mentre il resto deriva da plastica riciclata. Da queste parti sanno bene come progettare, affidandosi sempre più alla tecnologia. Negli ultimi due anni, peraltro, le divise da gioco della squadra sono state ricavate dal bambù. Adesso l’utilizzo di fondi di caffè promette di rendere le maglie da gioco più leggere e traspiranti. Il Forest Green Rovers già nel 2017 è stato eletto dalla FIFA come “il club più green del mondo” e nel 2018 è stato riconosciuto dall’ONU come il primo a emissioni zero. Ma non finisce qui. Il club di proprietà di Dale Vince ha in progetto la costruzione del nuovo stadio interamente in legno ed utilizza già energia proveniente da fonti rinnovabili: sul tetto dell’attuale impianto, sono installati pannelli solari; il manto erboso è irrigato con acqua piovana e non trattato con pesticidi. E, infine, è prevista una dieta rigorosamente vegana per i calciatori della squadra. Non c’è che dire… il Forest Green Rovers già da un pò si è aperto al cambiamento, quello vero e necessario.

LEGGI ANCHE: Liverpool, Salah non prende bene il cambio: messaggio enigmatico dell’agente

LEGGI ANCHE: Chelsea, Mount: “Contento per il goal al Liverpool. Sull’esultanza…”

Fonte: La Gazzetta dello Sport

SEGUICI SU

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads