Football Association in crisi, 124 licenziamenti a causa del Covid!

La crisi della Football Association dopo il Coronavirus

Football Association colpita duramente dalla crisi dovuta all’epidemia di Coronavirus. La Federcalcio inglese è stata costretta a licenziare 124 dipendenti a causa delle ingenti perdite subite dopo il lockdown per il Covid-19. Una cifra compresa tra i 100 e 150 milioni di sterline sarebbe bruciata a causa della pandemia. Lo riferisce la Gazzetta dello Sport.

Crisi post Covid-19, la Football Association ricorre a licenziamenti e ad un prestito

Le perdite dovute alla crisi potrebbero però arrivare addirittura a 300 milioni qualora le partite dovessero disputarsi a porte chiuse nel medio-lungo termine. Occorrerebbe dunque cercare di riaprire gli stadi inglesi al più presto. Intanto, oltre ai 124 licenziamenti, la FA starebbe accedendo ad un prestito di 200 milioni sfruttando un decreto del governo britannico che prevede un tasso di interesse pari allo 0,5 %. La Football Association, inoltre, sta già estinguendo un prestito per la ristrutturazione dello stadio Wembley. La somma dovrebbe essere saldata per il 2024, ma le entrate del 2020 sono saltate per via dei rinvii delle partite di calcio e dei vari eventi in programma nel mitico stadio inglese.

Crisi FA, le parole del CEO Mark Bullingham

Uno scenario che è stato ampiamente illustrato dal CEO Mike Bullingham:«La sfida finanziaria che ci attende è significativa. Abbiamo perso tutte le entrate dagli eventi a Wembley, oltre  ai concerti ad agosto e i match della NFL ad ottobre. Le nostre entrate in termini di hospitality da Wembley, che di solito si aggirano sui 35 milioni all’anno, sono completamente diminuite e probabilmente ci vorranno anni per avere una ripresa. Inoltre, molti dei nostri sponsor e emittenti sono stati fortemente colpiti dalla pandemia e noi non siamo in grado di fornire i contenuti previsti. Ciò si traduce in una pressione finanziaria su di noi, poiché in alcuni casi dobbiamo pagare un risarcimento, ad esempio in caso di annullamento degli eventi», ha dichiarato il manager della Football Association.

FOTO: The FA Twitter.