Copa Libertadores: countdown in vista del superclasico in finale

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Anche se alla base c’è un odio insanabile, River e Boca si sono reciprocamente tifate nelle semifinali di Copa Libertadores. Non poteva essere altrimenti. Era troppo bello anche solo immaginare un Superclasico nella finale di quella che è la coppa più ambita del Sud America. Adesso il romantico sogno è diventato realtà, ed è tremendamente vicino dato che l’andata della doppia sfida si disputerà il 7 Novembre.

Il Boca Juniors si fa trascinare da uno straripante Benedetto che, 399 giorni dopo l’ultimo gol, seguito da un infortunio pagato con gli interessi – si guardi al Mondiale russo visto da casa – realizza prima una meravigliosa doppietta alla Bombonera, e poi chiude i giochi in terra brasiliana insieme ad Abila. Nella gara di ritorno, al Palmeiras non bastano il destro di Luan e il penalty di Gustavo Gomez.

Nell’altra semifinale invece succede di tutto. Il River Plate ribalta lo 0-1 dell’andata targato Michel, ma riesce nel suo intento solo nel finale; la Banda infatti è sotto di una rete anche nella “Arena do Gremio” (Leonardo al 30’ del primo tempo) quando, a 10 minuti scarsi dalla fine, Borrè segna il gol della speranza… con la mano, però! Nessun arbitro pare avvedersene. Invece viene visto – eccome! – il tocco con un braccio di Bressan nella propria area di rigore, con conseguente calcio di rigore realizzato – solamente dopo otto interminabili minuti di proteste – dal solito Pity Martinez che completa così la rimonta argentina. Gallardo, allenatore dei Millonarios, può finalmente esultare dopo essere stato protagonista di un episodio quantomeno singolare: il tecnico, che era squalificato, camuffatosi con un cappellino si è introdotto nel vestuario dei suoi all’intervallo per dare loro indicazioni, salvo poi essere scoperto e allontanato.

Non ci si stanca mai di seguire la Libertadores; ed ora, giunti all’epilogo, la storia ci consegnerà un nuovo episodio – suddiviso in due atti – del Superclasico, che certamente segnerà un prima e un dopo nel Fùtbol sudamericano e che quasi darà a Buenos Aires le sembianze di una città impegnata in una guerra civile. Il 28 Novembre lo Stadio Monumental darà la gloria eterna ad una tra Boca e River.

COMMENTA L'ARTICOLO