Andrè Silva: “Mi sento più maturo e lavoro sodo per andare all’Europeo”

Fonte foto: Profilo Twitter Andrè Silva
Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

L’ex attaccante del Milan, attualmente all’Eintracht Francoforte, Andrè Silva, ha rilasciato una lunga intervista a Transfermarkt.it. Queste le sue parole:

Valore di 37 milioni di euro? In verità, non guardo i numeri del mercato. La cosa più importante è l’opinione che ho di me stesso e i punti nei quali posso migliorare. Voglio progredire ogni giorno. Miglior Andrè Silva di sempre? Penso che questo sia quello di sempre. L’unica differenza è l’esperienza e le conoscenze acquisite. Quando sei giovane e solo in un nuovo mondo, senza qualcuno che ti aiuti o ti dia le giuste informazioni, non è facile. Ognuno fa il proprio percorso. Sono cambiato di volta in volta, ho trovato numerosi ostacoli, ma attualmente mi sento più tranquillo ed è per questo che posso dimostrare di che pasta sono fatto veramente. Il passaggio all’Eintracht? Penso che ora possa dire che è stato il passo giusto. A parte il fatto che ho dovuto cambiare di nuovo tutto: la squadra, lo staff, la lingua, l’ambiente, tutto. Un’esperienza che mi ha messo ancora una volta in una posizione difficile, ma allo stesso tempo mi ha fatto crescere, anche più di prima. Bundesliga attraente? Si, grazie al fatto che ogni partita sembri perfettamente bilanciata, a parte il fatto che il Bayern sia sempre stato campione nelle recenti edizioni. Il resto del campionato dimostra che il primo della classe può perdere con il fanalino di coda. Personalmente ho degli obiettivi ma sono concentrato sul presente. Lavoro duro nel quotidiano per realizzare i miei sogni futuri. I miei idoli? Quando ero bambino mi ispiravo moltissimo ai due Ronaldo, Cristiano Ronaldo e il Fenomeno brasiliano. Mi piaceva guardarli in azione. Poi ognuno è diverso e ho cercato di assorbire il meglio da ogni modello possibile pur di migliorare il mio gioco. Obiettivi all’Europeo? Il primo è che voglio esserci e che lavoro sodo per far parte dei convocati. Penso che la squadra abbia un quantitativo importante di qualità e per vincere e pensare di difendere il titolo debba prima di tutto crederci. Ma in questo momento, con i campionati in corso, il pensiero è ancora altrove. Sappiamo, però, di non partire fra i favoriti”.

FONTE: www.transfermarkt.it

 

LEGGI ANCHE: Ricci: “Nazionale? Sono orgoglioso ed emozionato, devo tutto ad Italiano”

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads