Erik ten Hag: Man Utd se l'è cavata ma lo spavento di Coventry non è “imbarazzo”

Erik Ten Hag ha insistito di non essere imbarazzato, ma ha ammesso che il Manchester United “se l'è cavata” dopo aver superato il Championship Coventry ai rigori nella semifinale di FA Cup.

La squadra della Premier League ha avuto uno spavento onnipotente domenica a Wembley quando la squadra di seconda divisione ha reagito da 3-0 in giù e poi ha visto un vincitore dei tempi supplementari annullato per un fuorigioco marginale.

Una gara emozionante terminata 3-3 dopo 120 minuti ed è stato lo United a prevalere, 4-2 sui calci di rigore, ripetendo la finale dell'anno scorso contro i rivali del Manchester City.

È stata un'altra prestazione poco convincente dello United – che potrebbe aver aumentato la pressione sull'allenatore Ten Hag, sotto tiro – ma l'olandese ha cercato di evidenziare gli aspetti positivi.

Ten Hag ha detto: “Non posso dire quella parola (imbarazzo) perché, alla fine, è una questione di risultato.

“Vedo gli errori che commettiamo – non possiamo distogliere lo sguardo – ma non è motivo di imbarazzo. È un risultato enorme.

“Anche la grande squadra dello United, dieci anni fa, arrivò in finale solo tre volte. Ora abbiamo due volte in due anni. Quindi è una buona prestazione.

“Vedo che possiamo giocare a livelli molto alti ma nella stessa partita possiamo anche scendere molto bassi. Non è spiegabile. Ha a che fare con la gestione del gioco.

“Devo insegnare ai miei giocatori, chiaramente. Dobbiamo fare meglio in queste occasioni.

“In più occasioni ci siamo lasciati scappare il risultato ma oggi ce l'abbiamo fatta”.

Lo United sembrava aver superato un avversario apparentemente inferiore mentre si apriva un bel vantaggio con i gol di Scott McTominay, Harry Maguire e Bruno Fernandes.

Eppure gli Sky Blues, che sono ottavi in ​​campionato, hanno recuperato uno grazie a Ellis Simms al 71' e poi hanno gettato al vento la prudenza.

Callum O'Hare ha tirato indietro un altro con un tiro deviato e Haji Wright ha mandato la partita ai supplementari con un rigore nei tempi di recupero dopo un fallo di mano di Aaron Wan-Bissaka.

Entrambe le squadre colpiscono la traversa nei tempi supplementari prima che Victor Torp pensi di aver strappato un drammatico vincitore nei minuti finali, solo per il VAR che dichiara Wright leggermente in fuorigioco nella preparazione.

Nonostante il modo straziante della sconfitta, il manager degli Sky Blues Mark Robins ha insistito sul fatto che non c'era alcun sentimento di ingiustizia.

L'ex attaccante dello United ha dichiarato: “Se è la decisione giusta, è la decisione giusta. Penso che fosse in fuorigioco, il che è deludente. Se si fosse tagliato l'unghia del piede non si parlerebbe di rigori.

“Di questa corsa alla FA Cup si parlerà, sicuramente negli ambienti di Coventry City, per molto, molto tempo.

“Anche se sono deluso per tutti, non possiamo essere troppo giù di morale. Ci siamo affrontati faccia a faccia con il Manchester United, siamo risaliti da 3-0 e abbiamo quasi vinto con un quarto, poi abbiamo perso ai rigori, cosa che può succedere.

“Ci siamo comportati come il Manchester United nell'ultima mezz'ora ed è ciò di cui sono più orgoglioso.

“Questo club è in crisi da tanto tempo, ma sicuramente siamo fuori da quel periodo. Dobbiamo solo andare avanti, ed è per questo che non ci dispiaceremo per noi stessi”.

Lascia un commento