Inter-Conte, sembra la tregua prima della tempesta: attenzione alla fine prematura del rapporto

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Quest’oggi è avvenuto il fatidico incontro tra la dirigenza dell’Inter ed Antonio Conte. La riunione, secondo quanto riportato dal sito ufficiale dei nerazzurri, si è conclusa nel migliore dei modi, riuscendo a trovare un accordo che ha permesso, per ora, di continuare il rapporto di lavoro tra le parti. Oltre alla conferma di Antonio Conte sulla panchina nerazzurra nella prossima stagione, sono arrivate anche quelle a livello dirigenziale. Ma sarà davvero così? Qualcosa non torna. Il discorso è molto semplice. Questa sera, dopo il summit, nessuno dei dirigenti ha voluto rilasciare dichiarazioni alla Stampa. In una giornata così positiva, da come il club ha fatto trapelare, come mai nessuno si è presentato ai microfoni per dare la buona novella? Qualsiasi persona, al posto di Marotta o chi per lui, avrebbe dovuto avere quell’entusiasmo nel dichiarare la continuità del rapporto con Antonio Conte. Evidentemente c’è qualcosa che non è stato voluto sdoganare. Molto probabilmente, sul piatto delle informazioni “nascoste”, ci sono delle promesse fatte proprio all’allenatore nerazzurro concernenti l’acquisto di alcune pedine fondamentali per fare il salto di qualità e diminuire ancora di più il gap con la Juventus. Questo è ovvio, date anche le parole di Antonio Conte prima di questa giornata (post partita con Dortmund, Atalanta e Siviglia). Questo breve comunicato dell’Inter può essere anche considerato come una tregua tra le parti: o la società soddisferà Antonio Conte su diversi punti in queste settimane o, probabilmente, la situazione potrebbe degenerare, con conseguente addio dell’allenatore leccese. Ricordiamo che Conte non è nuovo a questo tipo di sorprese. Nel 2014 lasciò, consensualmente, la panchina della Juventus, in piena preparazione, dopo alcune divergenze sul mercato.

Foto: Twitter Ufficiale Inter

COMMENTA L'ARTICOLO