“Delinquenti con mazze e caschi”: clamorosa aggressione dopo Fiesole Calcio-Rondinella Marzocco

Foto: sito ufficiale Wikipedia

Il fatto raccontato dal comunicato del Presidente della Rondinella Marzocco

Una triste pagina per il calcio italiano. Nella giornata di ieri si è giocata la partita tra Fiesole Calcio e Rondinella Marzocco nella categoria Juniores. Al termine del match i giocatori e i genitori biancorossi hanno subito violenze da parte di alcuni tesserati della squadra avversaria. Il Presidente della Rondinella Lorenzo Bosi ha descritto in un comunicato la vicenda, richiedendo l’intervento della FIGC:

“Ieri è stata una pagina nera per lo sport e in particolare per la nostra società.

Al termine della partita fra Fiesole Calcio e Rondinella Marzocco del campionato juniores, un gruppo di delinquenti armati di mazze e caschi, ha aggredito, con violenza inaudita, i nostri atleti accompagnati dal proprio mister e dai genitori.

Due ragazzi sono finiti all’ospedale e altri, genitori compresi , sono stati colpiti a più riprese. Perfino una madre è stata gettata a terra.

Nel condannare nel modo più fermo l’episodio chiediamo alle forze dell’ordine di fare tutto quello che è nelle loro possibilità per risalire ai responsabili di questa vergognosa aggressione.

Chiediamo alla FIGC di intervenire in modo adeguato per prendere i provvedimenti sanzionatori opportuni.

Chiediamo al Fiesole Calcio di fare i nomi dei partecipanti al raid (alcuni sono giocatori tesserati).

Ai nostri ragazzi, vittime di questo atto vile, alle loro famiglie e al nostro mister va un grande abbraccio con la certezza che la società intraprenderà tutte le azioni possibili, in ogni sede, affinché i responsabili paghino per questo incomprensibile atto”

Fonte comunicato: TuttoCampo

Serie D, un attaccante del Giarre passa al Cittanova. Il comunicato