De Laurentiis rivela: “Sto lavorando ad un torneo da 10 miliardi per il calcio europeo”

Foto: profilo Twitter Napoli

Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, ha rivelato un progetto a cui sta lavorando nell’intervista rilasciata in esclusiva al Daily Mail. L’imprenditore ha ribadito come il suo piano varrà 10 miliardi di euro per il calcio europeo. In pratica, ADL vuole un campionato paneuropeo più redditizio in cui la qualificazione si basi sulle prestazioni dei club piuttosto che sulla formula della Superlega, dove le squadre sono state inviate a competere indipendentemente dalle prestazioni nei campionati nazionali.

La Champions e l’Europa League non generano sufficienti entrate che giustifichino determinati investimenti. Per essere competitivi bisogna poter ingaggiare i migliori giocatori, e dunque spendere molti soldi, che i montepremi delle competizioni europee non coprono. I club si devono confrontare tra loro per trovare una competizione più moderna ed economicamente vantaggiosa per tutti. Dobbiamo ridurre il numero delle squadre delle massime divisioni e creare un campionato europeo con un sistema di accesso democratico, basato sui risultati domestici delle singole squadre. Ho esaminato un progetto già pronto che porterà 10 miliardi di euro al calcio europeo, ma c’è bisogno di volontà e totale indipendenza.”

De Laurentiis ha anche confessato la sua ammirazione per il calcio inglese, dal quale “noi italiani dobbiamo imparare molto. Se non cambiamo le regole del gioco e non lo rendiamo uno spettacolo migliore, i giovani ci abbandoneranno e il calcio non sarà più al centro delle nostre vite. Secondo le mie ricerche, i giovani dagli otto ai 25 anni hanno smesso di vedere il calcio in tv, preferendo giocare coi cellulari”.

Leggi anche: Arrigo Sacchi sulla Champions: “Milan e Atalanta giocano un calcio coraggioso”

Lascia un commento