Cresce ancora lo stipendio di Ceferin nel 2024: quanto guadagna il presidente dell’UEFA

Foto: sito ufficiale UEFA

La crescita dello stipendio del presidente della UEFA, Aleksander Ceferin, continua a destare l’attenzione, soprattutto dopo il lancio controverso della Superlega nel 2021. Nonostante le polemiche, il numero uno della Federcalcio europea ha visto un ulteriore aumento del suo salario nel corso del 2022/23.

Durante il Congresso UEFA, che ha approvato le modifiche allo statuto consentendo a Ceferin di ricandidarsi fino al 2027 e potenzialmente rimanere in carica fino al 2031, sono emerse le cifre relative al suo stipendio nella passata stagione.

Foto: sito ufficiale Wikipedia

Secondo i documenti ufficiali, Ceferin ha percepito un compenso lordo di 2.875.000 franchi svizzeri (circa 2,9 milioni di euro al cambio) nel 2022/23, registrando un aumento di 175.000 franchi svizzeri rispetto all’anno precedente, equivalente a una crescita del 6,5%.

Il segretario generale della UEFA, Theodore Theodoridis, ha mantenuto un compenso stabile di 1.400.000 franchi svizzeri lordi (circa 1,4 milioni di euro), con un bonus aggiuntivo di 420.000 franchi svizzeri, come nella stagione precedente.

Dal 2017, lo stipendio di Ceferin è aumentato costantemente, partendo da 1,56 milioni di franchi svizzeri (circa 1,35 milioni di euro al cambio) fino ai 2,875.000 franchi svizzeri attuali nel 2022/23. Nel complesso, durante il suo mandato da presidente della UEFA, Ceferin ha guadagnato poco più di 14 milioni di franchi svizzeri, circa 13,3 milioni di euro, con una media annua di 2,3 milioni di franchi svizzeri (circa 2,2 milioni di euro).

stipendio ceferin

La crescita dello stipendio di Ceferin riflette l’aumento della sua responsabilità e della sua influenza all’interno della UEFA, nonostante le controversie e le sfide che l’organizzazione ha affrontato negli ultimi anni. In conclusione, il suo salario continua a generare dibattiti e riflessioni sull’equilibrio tra compensi e responsabilità nei vertici del calcio europeo.

Lascia un commento