Moggi: “Juventus, stasera devi giocare bassa. Il Napoli è più veloce dell’Inter”

Fonte foto: profilo twitter luciano moggi

SEGUICI SU

Ai microfoni di Radio Bianconera è intervenuto Luciano Moggi, ex dg della Juventus che ha fatto il punto su Pirlo e sulla Supercoppa

Su Pirlo: “Io ho letto di tutto e di più dopo l’Inter, ho letto soprattutto del povero Pirlo che si è trovato in mano una squadra, non è che l’ha concepita. È normale che trovi difficoltà. Poi sbaglia anche lui molto come è successo domenica a San Siro, dove ha sbagliato la formazione e non l’ha corretta in corsa, ma non me la sento di criticarlo. Non ha in mano una squadra fatta da lui, forse non conosce bene nemmeno i giocatori che ha a disposizione. La responsabilità principale è di un centrocampo che non fa gioco, se concepisci una mediana con tre interditori. Arthur è l’unico che sa palleggiare bene, ma fin qui non ha convinto. Lui non ha a disposizione la squadra che può fare il gioco che vorrebbe fare lui. Una critica a Pirlo è lecito farla, ma non ha il centrocampo ideale per far giocare la squadra come vuole lui”.

Sulla Supercoppa contro il Napoli: “Cuadrado secondo me è sicuro che giochi, dà qualcosa di più al centrocampo. Se è convocato e sta bene deve giocare. Poi serve che Ronaldo si dia una svegliata, è un Ronaldo che nelle ultime tre partite timbra il cartellino ma si ferma lì. Non mi sento di criticarlo perché gli arrivano pochi palloni, ma è sempre colpa del centrocampo. Io ho sempre detto che l’Inter è la favorita per il campionato e l’ho detto proprio guardando il centrocampo. La Juve ha solo incursori, Brozovic ha messo in crisi totale Bentancur. Poi hanno messo Frabotta in condizioni di essere tritato da Barella e Hakimi. La Juve in questo momento non può giocare alta perché subisce contropiedi, deve giocare bassa perché il Napoli è più pericoloso in velocità dell’Inter. Se mette i due davanti alla difesa secondo me non sbaglia”.

Fonte: TMW

LEGGI ANCHE: DOSSENA: “JUVE-NAPOLI? GATTUSO ORA HA CERTEZZE. PIRLO UN ESTETA, RINO HA CARISMA”

COMMENTA L'ARTICOLO