HOME>COPPE>Coppa Italia: Milan-Torino 4-2 d.t.s, Bremer illude, Chalanoglu la decide. Pioli: “Vittoria meritata”.

Coppa Italia: Milan-Torino 4-2 d.t.s, Bremer illude, Chalanoglu la decide. Pioli: “Vittoria meritata”.

Di Alberto Zenofonte - il 28 Gennaio 2020

L'articolo prosegue qui sotto

Segui MondoCalcioNews su FACEBOOK, INSTAGRAM, YOUTUBE, TELEGRAM e TWITTER o scarica l'App per ANDROID ed IOS

MILAN-TORINO 4-2 d.t.s

RETI: 12′ Bonaventura (M), 91′, 106′ Chalanoglu (M), 107′ Ibrahimovic (M) 34′, 71′ Bremer (T)

LA GARA

Dopo 12′ di gioco sblocca la gara il Milan con Bonaventura, perfetto l’assist di Rebic dove il giocatore deve solo appoggiare in rete a porta vuota. Prima della fine del primo tempo Bremer al 34′ pareggia il match sfruttando al meglio il lancio sul filo del fuorigioco di Verdi.

Nella ripresa poi, dopo varie occasioni da ambo le parti, Bremer firma la personale doppietta al 71′ gelando il Meazza, cross di Ola Aiana e colpo vincente di testa del difensore brasiliano.

In pieno recupero trova il disperato pareggio Hakan Chalanoglu con una botta forte di destro, decisiva la deviazione di Djidji, nei 3′ minuti restanti è assedio Milan che sfiora anche il vantaggio in due occasioni con Ibrahimovic, clamorosa la prima dove dopo l’assist di Leao, lo svedese da due passi calcia alto sopra la traversa, 90′ che non bastano, si va ai tempi supplementari.

La partita poi si deciderà nel secondo tempo dei supplementari grazie alle reti tra il 106′ e 108′ di Chalanoglu (sinistro potente) e Ibrahimovic di piatto sul primo palo.

LE PAROLE DI STEFANO PIOLI

“Abbiamo passato il turno meritatamente, non meritavamo lo svantaggio per 1-2. Rebic? Gioca molto per la squadra, sta facendo molto bene.Chalanoglu? L’importante è essere squadra, abbiamo qualità singole”

Ha poi continuato.“Oggi squadra molto compatta, abbiamo concesso poco e creato molto, l’importante è avere la squadra equilibrata e avere carte da giocare dalla panchina”.

Cambio Piatek-Ibrahimovic.“Credo in tutti i giocatori del Milan, ci sta il momento di calo ma bisogna continuare a lavorare”.

Ora la Juve. “Non sono imbattibili, ora pensiamo al campionato”

 

loading...

Lascia un commento

Lascia un commento

Loading...