Come scegliere la powerbank giusta per smartphone e tablet

Se anche il vostro smartphone o il vostro tablet hanno una buona autonomia, se lo utilizzate in maniera intensiva magari per giocare, la navigazione o per lunghe telefonate, sarà facile trovarsi a corto di energia prima della fine della giornata. In occasioni come queste o siete vicini ad una presa e avete un buon caricabatterie  (qui i migliori secondo noi) o dovrete chiedere soccorso ad una batteria esterna, la classica Powerbank.

Di Powerbank su Amazon e su vari altri siti ce ne sono migliaia e tra milliampere, numero di porte, dimensioni e offerte speciali, diventa difficile districarsi e capire quale potrebbe servire e quale potrebbe essere la migliore per noi.

In questo articolo proveremo a fare chiarezza, spiegando come funzionano, quali sono le specifiche e che cosa conta realmente per trovare quella giusta.

Cominciamo dalla base indispensabile: quello che dovete cercare prima di ogni altra cosa è una batteria che abbia almeno una porta USB-C, l’unica che garantisce davvero una carica veloce. 

Esistono in realtà porte USB-A “veloci” ma si basano essenzialmente sulla tecnologia QuickCharge di Qualcomm e sono… veloci, solo con dispositivi che usano chipset della stessa Qualcomm oppure che hanno acquistato in licenza l’uso di questa tecnologia.

L’indispensabile porta USB C

In pratica  con una porta USB-C potremo ricaricare velocemente ogni tipo di dispositivo, indipendentemente dalla marca e dalle scelte costruttive del produttore, con la porta Quickcharge solo alcuni di essi e mai gli iPhone o gli iPad.

In più la porta USB-C è in grado di fornire, se necessario, potenze più elevate ed infine semplifica la vita visto che sfrutta, appunto, un cavo USB-C, ormai lo standard di fatto mentre l’obsoleto cavo USB-A e il relativo connettore sono sempre più rari da reperire in dispositivi in commercio.

Per questo nel nostro articolo non daremo informazioni sulle batterie con porta QuickCharge anche se alcune delle batterie che consiglieremo poco sotto, hanno anche porte USB-A che supportano la carica veloce con QuickCharge.

Batteria con LED e ca, 10mila mAh

Quale batteria comprare

Nel nostro articolo vi diremo quali sono secondo noi le migliori batterie con carica veloce e porta USB-C da acquistare. Ma nello stesso tempo vogliamo anche darvi qualche informazione per capire come scegliere da soli.

Il primo punto da cui partire è che va sfatato il concetto che una batteria si compra cercando il miglior rapporto possibile tra i milliampere offerti e prezzo. Si tratta di un errore indotto dai produttori di powerbank che insistono molto nelle loro comunicazioni su questi due aspetti.

In realtà se si vuole fare una scelta adeguata alle proprie esigenze e comprare una batteria che ricarica velocemente il proprio dispositivo e nello stesso tempo risponde alle esigenze di ricarica del nostro smartphone, è necessario tenere in considerazione diversi altri aspetti.

Cavo e Powerdelivery

Siamo partiti dal presupposto che vogliamo una batteria che sia veloce nella ricarica. La vogliamo così perché vorremmo gestire l’impiccio del cavo per il minor tempo. Una batteria di questo tipo che fornisce una ricarica rapida è sempre una batteria che si ricarica con un cavo.

Le batterie magnetiche, stile Magsafe (“stile”, perché non esistono oggi batterie che siano davvero compatibili con la tecnologia Magsafe) oggi sono moltissime e hanno successo perché eliminando il bisogno del cavo offrono una particolare comodità in cambio della quale si deve fare accettare una ricarica più lenta.

Parliamo al massimo di 7,5 (per gli iPhone) o di 15W (per alcuni dispositivi Android) che scendono rapidamente nel corso del processo di ricarica. Una batteria collegata ad un cavo offre tra i 20 e i 22W e spesso anche di addirittura fino a 140W, utili per alcuni telefoni Android, se si accettano compromessi sulle dimensioni.

Per avere una ricarica veloce, oltre che avere una porta fisica, serve anche che la batteria sia PowerDelivery. Vi abbiamo spiegato altrove che significa PowerDelivery qui diciamo solo che unicamente la batteria PowerDelivery (tecnologia che troverete abbreviata anche come PD) è in grado di ricaricare velocemente un telefono, iPhone inclusi, e un tablet, iPad inclusi.

Oggi in circolazione restano ancora alcune batterie USB-C che non sono PowerDelivery Queste batterie non forniscono i Watt sufficienti per ricaricare velocemente un iPhone ed è meglio evitarle.

I migliori accessori per iPad dell'estate 2023I migliori accessori per iPad dell'estate 2023

Acquistando una batteria PowerDelivery dovreste sempre scegliere anche una batteria PowerDelivery 3.0 in questo modo, parlando del mondo iPhone, sarete anche in grado di sfruttare eventualmente un caricabatterie Magsafe (che richiede appunto PD 3.0).

In realtà è  difficile che una batteria che non sia Powerdelivery 3.0. PD 3.0 è stato rilasciato nel 2017 e praticamente tutte le batterie oggi in circolazione sfruttano questa implementazione.

Piuttosto, ultimamente hanno cominciato a diffondersi batterie PD 3.1. Nascono per il mondo dei computer, arrivano a 140W e di solito hanno capacità che arrivano a sfiorare i 30.000 mAh ma non hanno molto significato per il mondo dei dispositivi da tasca. 

Potenza consigliata

Gli iPhone ad esempio, si ricaricano con una potenza di picco massima a 27W, più normalmente intorno ai 22W. Gli iPad Pro si ricaricano a 30W, circa (anche se sono state rilevate potenze di picco leggermente più alte).

A nostro giudizio il discorso non cambia neppure se si parla di smartphone Android. Anche se nel mondo dei sistemi operativi Google ci sono smartphone (come lo Xiaomi 11T Pro) che si ricaricano fino a 120W e  con una uscita in Watt elevata si riducono certamente i tempi di ricarica rispetto ad una da 20 o 30W, sarà comunque costretti a portarsi dietro una batteria troppo grande e pesante (spesso ben oltre il mezzo kg).

Una batteria da una ventina di watt, invece, vi consentirà di mettervi in tasca un accessorio molto maneggevole (poco più di un etto), che fornisce circa la metà della capacità di uno smartphone anche moto grande in meno di mezz’ora.

Black Friday, 15,74€ per batteria in alluminio, carica rapida, 10mila maHBlack Friday, 15,74€ per batteria in alluminio, carica rapida, 10mila maH

Tra Milliampere e Wattora

Un aspetto cruciale che si deve tenere in conto è la capacità della batteria.  Questa misura  solitamente viene espressa in mAh, milliampere ora, ovvero la carica elettrica nelle celle.

Il primo mito da sfatare che questo sia il punto di partenza imprescindibile per la scelta della batteria, In realtà è artenza utile (fino ad un certo punto…) solo per confrontare due batterie.

Usare come parametro i milliampere della batteria paragonandoli a quelli dello smartphone si rischia infatti di andare fuori bersaglio. Poiché in gioco ci sono molti altri fattori, in primo luogo il voltaggio della batteria e quello di conversione in uscita.

Se ci interessa sapere davvero quanto utile sia una specifica batteria per estendere l’operatività del nostro smartphone o tablet, abbiamo bisogno anche di altre informazioni. In particolare sarebbe meglio mettere da parte i mAh, affidandosi piuttosto ai Wattora (Wh): sapendo quanti sono i wattora del powerbank e quelli del telefono basterà fare dividere un valore con l’altro per avere un dato più affidabile.

Confrontare i Wattora della batteria con quelli del proprio telefono è però anche questo complesso.

In primo luogo questa questa informazione nelle comunicazioni di vendita della Powerbank non è quasi mai riportata. La si trova spesso solo sulla confezione o stampata sulla batteria. In secondo luogo anche se i wattora ci sono o li otteniamo (come spiegheremo tra breve) resta da capire quale sia effettivamente la reale efficienza della batteria.

Calcolare i Wattora

Fortunatamente tutte le batterie agli ioni di litio hanno batterie che erogano convenzionalmente 3,85W, è quindi relativamente semplice ottenere ottenere con una formula matematica i wattora; basterà moltiplicare gli Ah (ampere ora) per i watt. Ad esempio una batteria da 10mila mAh offre circa 38,7 Whr (10.000/1000*3.85)

Quel che spesso (sempre quando parliamo di dispositivi mobili Apple) non sappiamo è quanti Wattora richiede la batteria interna del dispositivo per una ricarica completa.

Infine anche essendo in grado, per volontà del produttore o grazie a nostri calcoli, di sapere quanti Wh fornisce una batteria e quanti ne richiede il dispositivo, avremo un’indicazione ancora non del tutto precisa per via di una serie di fattori che sono legati all’efficienza dei circuiti e alla qualità complessiva della batteria sia quella esterna e quella dello smartphone.

Batteria tuttofare con funzione StandBy, 10mila mAh a solo49€Batteria tuttofare con funzione StandBy, 10mila mAh a solo49€

La regola dell’85%

Le batterie dei telefoni e quelle delle powerbank non sono infatti tutte uguali. Ce ne sono di buona qualità e di qualità meno buona. E già questo fa differenza.

Poi ci sono altri aspetti che influiscono, come la qualità dei circuiti che determinano la conversione del voltaggio di uscita della cella (intorno ai 3.8V) a quella richiesta dalla porta (5V). Il processo trasforma parte dell’energia immagazzinata nella batteria in calore riducendo la capacità reale e la quantità di energia che viene.

Senza sbattere (per giunta con il rischio di scarsi risultati) la testa contro il muro, possiamo affidarci alla convenzione secondo la quale le batterie al litio hanno solitamente un’efficienza media di scarica e carica intorno all’85%. In pratica un accumulatore di questo tipo trasferisce o recepisce l’85% dei wattora nominali.

Ci sono ovviamente batterie e circuiterie migliori di altre capaci di arrivare anche a sfruttare fino al 95% dei wattora, ma ce ne sono anche di peggiori ma calcolare l’efficienza dell’85% mette al riparo da eccessivi ottimismi o pessimismi.

Per capire meglio, facciamo un esempio usando un iPhone 15 Pro (o un iPhone equivalente con schermo da 6,1 pollici). Con i suoi circa 14 Whr usando una batteria che nominalmente è capace di fornire 10.000 mAh e 38,5 Wh si potrà essere in grado di sfruttarne effettivamente 32,7. A sua volta la batteria interna da da 13 Whr richiederà circa 15 Whr per la completa ricarica. In conclusione potremo ricaricare iPhone 15 Pro per un paio di volte

Volendo immaginare che il nostro telefono sia un iPhone 15 Pro Max da 17 Whr e che anche qui valga la regola dell’85%, saranno richiesti 20 Whr. Quindi la nostra batteria da 10mila mAh o 38,5 Whr che ne fornirà circa 32, potrebbe essere in grado di ricaricare circa una volta e mezza il nostro iPhone 15 Pro Max.

La batteria giusta per me

A questo punto possiamo chiederci come faremo, fare un corso da elettrotecnico e spendere tempo per investigare sulle specifiche della batterie, a scegliere la batteria giusta. La strada più corta è scendere poco sotto e guardare le migliorie batterie che abbiamo scelto per voi, valutando specifiche, marchio, capacità e funzioni.

Ma se volete fare da soli seguendo le vostre particolari esigenze ecco alcuni parametri che useremmo per scegliere una batteria senza stare a fare troppi conti.

  • Se si parla di smartphone, la batteria ideale per dimensioni, peso e prezzo, è una da 10mila mAh che per media efficienza offre circa 32 Whr reali.
  • La sceglieremmo da 10mila mAh perché è utile per ricaricare un iPhone (tra gli 11 e i 15 Whr) almeno due volte e a supportare la ricarica di telefoni con batterie più grandi più di una volta.
  • Per un iPad o un tablet sceglieremmo una batteria da almeno 20mila mAh (72 Whr). Meglio se avrà con un’uscita USB-C da 65W in questo modo potremmo ricaricare velocemente qualunque iPad e anche un MacBook di qualunque tipo, qualcuno (come gli Air) alla stessa velocità della presa.
  • Privilegeremmo nelle batterie, in particolare quelle ad elevata capacità (20mila mAh o superiori) una ricarica ad elevati watt (da 30 in su) e ci doteremmo di un caricabatterie rapido, per non attendere molte ore per la ricarica della batteria stessa. Anche per un batteria da 10mila mAh vorremmo che avesse una ricarica ad almeno 18W (tempo richiesto per una ricarica circa 6 ore)
  • Se la batteria ha più porte USB-C ed è di questo che abbiamo necessità, valuteremmo la potenza erogata da ciascuna porta e il totale della potenza massima erogata. A questo punto daremmo maggior credito a quelle che siano in grado di dividere in maniera razionale la potenza sulle due porte. Ad esempio una batteria che è in grado di fornire su una delle porte, sempre almeno 20W.

Le migliori batterie

Ora vediamo qui di seguito quali sono secondo noi le migliori batterie da considerare. Come detto le abbiamo scelte basandoci sulla loro tipologia, dimensioni, marchio, capacità e dimensioni. Tenete conto che i prezzi dei Powerbank che vedete specificati nelle anteprime di Amazon oscillano con frequenza per sconti, offerte speciali, promozioni e codici sconto vanno sempre verificati nella pagina di Amazon stessa.

Iniu B41 10000 mAh

Le migliori batterie per la carica veloce per iPhone e iPadLe migliori batterie per la carica veloce per iPhone e iPad

Tra le batterie PowerDelivery economiche probabilmente non ce n’è una migliore della Iniu B41. Non ha nulla di particolare non fosse che costa molto poco senza rinunciare allo spessore molto ridotto. La capacità è di 10000 mAh che sono una significativa quantità di energia per un prodotto di questo tipo.

Funziona anche come torcia e la porta USB-C pur non arrivando a 20W, ma solo 15W è sufficiente per ricaricare velocemente un iPhone.

Simpatico l’indicatore della carica, tipico di Iniu, che ha la forma dell’impronta di un gatto le cui dita si illuminano progressivamente.

La presentiamo qui perché nel rapporto prezzo, capacità, dimensioni ha poche rivali. Costa poco e in occasioni non rare di specifici coupon costa addirittura pochissimo. Lo svantaggio di questa batteria sono le prestazioni in ricarica. Richiede 8 ore ripristinare interamente le celle interne.

Sto caricando altre schede…

Anker Powercore Slim 10000 mAh

La Powercore Slim è molto simile ad altre batterie slim come la Iniu che citiamo sopra, ma qui siamo al livello più alto della categoria. Ha una capacità di 10000mAh e una potenza da 20W che mantiene anche in fase di ricarica.

Usando il corretto alimentatore (da 18W in su) l’energia si ripristina in solo cinque ore.

Anker ha compiuto anche un significativo sforzo ingegneristico rendendo questo accessorio molto sottile nonostante le due porte (oltre alla USB-C c’è anche una porta USB-A). Per la capacità e le prestazioni è un prodotto molto interessante per chi viaggia in famiglia o per chi ha un iPad da ricaricare con un cavo USB- C su Lightning (o USB-C su USB C se si ha un iPad di ultima generazione).

L’abbiamo utilizzata per molto tempo apprezzando vari aspetti come la qualità costruttiva, la superficie trattata con una lavorazione anti impronta. Le dimensioni se si parla di larghezza per lunghezza potrebbero non essere tra le più comode, ma lo spessore di 1,5 cm può essere un fattore vincente per diverse situazioni.

Sto caricando altre schede…

VoltMe Hypercore 10mila mAh

Se si cerca il miglior compromesso tra capacità, dimensioni, peso, la nostra scelta cadrebbe sulla Hypercore di Voltme. Anzi è già caduta su questa batteria che abbiamo comprato e usiamo oggi quotidianamente.

Si tratta di una accessorio 38,5 Wh (dichiarati esplicitamente, una vera rarità) in grado di ricaricare per quasi due volte anche i telefoni con batterie significative. Nel nostro caso la usiamo per un iPhone 15 Pro che riusciamo a ricaricare per due volte avanzando ancora un pochino di energia.

Ne abbiamo apprezzato la qualità costruttiva, la velocità di ricarica (fornisce 20W sulla porta USB-C ) e quella di ripristino della sua energia, 18W. È sottile, piccola e leggera e per giunta fornita con un ottimo cavo USB-C nella confezione che non tutte le batterie posso vantare. Tra  i difetti quello estetico: la superficie opaca è piacevole al tatto ma prende come un magnete le impronte digitali.

Sto caricando altre schede…

Anker Nano Power Bank

Se si è interessati a scambiare le capacità per le dimensioni e la comodità, la batteria che potrebbe interessarvi è la Anker Nano disponibile sia nella versione USB-C che in versione Lightning.

Parliamo di una soluzione molto interessante: si tratta di una piccola batteria capace di funzionare come riserva esterna per collegare la quale non serve alcun cavo. Integra infatti una spina pieghevole che si infila direttamente nella porta del telefono.

La batteria di Anker arriva a 5000 mAh pari a circa 20 Wh. Questo significa che sarete in grado di ripristinare tutta l’autonomia di uno smartphone di medie dimensioni e avanzare un po’ di energia.

Il fatto che la spina sia integrata elimina il bisogno del cavo e rende più comodo maneggiare il telefono mentre lo si ricarica. Per altro essendo molto veloce in ricarica (la versione con spina USB-C offre fino a 22,5W) il tempo necessario per la sua connessione è ridotto rispetto a tante concorrenti.

Nel caso presenta anche una porta esterna a doppia direzione. Normalmente viene usata per la carica in ingresso ma potrebbe essere usata anche per ricaricare un dispositivo esterno usando il classico cavo. Utile, ad esempio, per ricarica un dispositivo che non ha la porta USB-C (come gli Airpods o un Apple Watch)

Sto caricando altre schede…

Sto caricando altre schede…

Anker Nano A1259

Questa batteria appartiene alla lunga serie di powerbank d’eccellenza di Anker. Ha lo stesso nome della batteria con spina che vedete in questa stessa pagina e come quest’ultima consente la ricarica senza comprare un cavo. Qui però non c’è una spina ma, appunto un cavo integrato che può funzionare come maniglia. Il motivo per cui la segnaliamo non è però questo.

La sua peculiarità è infatti prima di tutto nel fatto che il cavo integrato consente sia la ricarica di un dispositivo esterno che della batteria stessa. Altre concorrenti hanno un cavo integrato, ma con esso si caricano solo i dispositivi esterni. Qui un cavo aggiuntivo non vi servirà proprio.

Secondariamente è questa batteria fornisce fino a 30W di potenza. In pratica è in grado di ricaricare alla stessa velocità della presa di corrente tanti dispositivi tra cui anche gli iPad, benché con i suoi circa 38 Whr non potrà ripristinare che solo parzialmente la carica delle batterie interne di un tablet. Ricaricherà però alla massima potenza, tra gli altri, l’iPhone 15 Pro Max che può assorbire fino a 27W.

Il maggior vantaggio a nostro giudizio però è la velocità di di ricarica del Powerbank: 30W. Con un caricabatterie adeguato i 10mila mAh verranno ripristinati in circa un’ora e mezza (spiega Anker) contro le otto ore (vedi sopra) di alcuni concorrenti.

Infine offre di fatto tre porte di ricarica: due USB-C (una sul cavo e una porta vera e propria) e una porta USB-A.

Svantaggi? Peso e dimensioni sono importanti per una batteria da 10mila mAh.

Sto caricando altre schede…

INIU B7 Handy

La Iniu B7 Handy è una batteria ad aggancio magnetico con ricarica wireless. In alcune situazioni, benché (come accennato sopra) la ricarica con questa modalità sia lenta, può essere comoda perché cancella l’impiccio dei cavi.

Ma la segnaliamo non tanto per questo, quando per il fatto che si tratta di una delle batterie migliori se si vuole avere un ridotto ingombro.

È molto sottile, leggera e maneggevole. Diverse ltre batterie magnetiche sono molto più pesanti. Ha anche una uscita USB-C tradizionale per la ricarica e la carica. Visto che porta fino a 20W è perfetta se si vuole passare dalla carica lenta “comoda” a quella veloce con un cavo.

Ha anche un supporto integrato che la trasforma in uno stand che sorregge il telefono mentre si usa lo smartphone, Il fatto che la batteria sia magnetica e che resta applicata al dorso del telefono è una comodità in più per allungare l’autonomia in situazioni in cui si vede un film o una serie in streaming o per una chiamata video.

Tra i limiti la capacità. Iniu per fare una batteria piccola e leggera ha dovuto ridurne la capacità. Con i suoi 6000 mAh e 22 Whr che significa potrà ricaricare per circa una volta e mezza il vostro telefono invece che le due volte e mezza, circa, di una batteria da 10mila mAh.

Sto caricando altre schede…

Iniu B5

Le migliori batterie per la carica veloce per iPhone e iPadLe migliori batterie per la carica veloce per iPhone e iPad

Se l’obbiettivo è caricare un po’ di tutto, incluso un iPad, una delle scelte migliori è la batteria Iniu B5. Qui non solo abbiamo una capacità doppia rispetto ad una batteria come quelle che abbiamo consigliato fino a questo punto (quindi parliamo di circa 70 Whr) 20000 ma anche un’uscita da 22,5W. Non siamo al massimo delle capacità di un iPad Pro che si ricarica fino a 30W, ma ci avviciniamo molto e la differenza tra usare un caricabatteria e questa batteria, per i tempi, sarà modesta.

Da segnalare che qui abbiamo anche un indicatore LED che indica precisamente la capacità restante e che ci sono anche altre due porte USB-A che possono essere usate contemporaneamente con quella USB-C.

Questa batteria costa anche molto poco. Spesso la si compra con coupon che ne ribassano il prezzo al livello di una normale batteria da 10mila mAh. Il difetto principale a nostro giudizio, oltre al peso e alle dimensioni che però sono sostanzialmente obbligati vista la capacità, è il fatto che la porta di ingresso arriva al massimo a 20W che sono il “minimo sindacale” per una batteria da 20mila mAh.

Sto caricando altre schede…

Ugreen Nexode 100 W

La Ugreen Nexode 100W non è la più piccola né la più leggera del gruppo di quelle che mettiamo in questa pagina ma certamente è la flessibile tanto da poter essere definita per molti “l’unica batteria di cui avete bisogno”.

Ha una capacità di 20000 mAh e una erogazione fino a 100W. In pratica collegando una delle due porte si avrà una potenza sufficiente per ricaricare qualunque dispositivo anche un computer portatile tra cui anche i MacBook Pro anche se con i suoi circa 73 Whr, non sarà in grado di ripristinare la massima capacità di quelli con batterie più grandi.

Nello scenario che dipingiamo un questo articolo però, è perfetta per chi ha un iPad Pro oppure diversi dispositivi da ricaricare. I tablet si ricaricano tutti alle massime prestazioni possibili. In pratica la Ugreen Nexode 100 W è in grado di alimentarli come se fossero collegati ad una presa. Ha la capacità per ripristinare quasi due volte la capacità di un iPad Pro 12,9 e almeno due volte e mezza tutti gli altri iPad.

Avendo due porte USB-C è possibile sfruttarne una per ricaricare un iPad e la seconda porta per ricaricare un iPhone.

La porta di ricarica supporta un ingresso a 65W.  Grazie ad essa si ripristina l’autonomia in circa 1,5 ore.

Sto caricando altre schede…

Satechi Quatro

La Satechi Quatro di base è la classica batteria da 10mila mAh. Ma il modo con cui fornisce energia la trasforma in un coltellino svizzero per il mondo Apple.

È una batteria PowerDelivery con uscita fino a 18W dalla porta USB-C. Non moltissimo ma è tantissimo quel che offre come aggiunta. In primo luogo ha una piastra wireless, interessante non per ricaricare lo smartphone (seppure utile anche per questo se si vogliono ricaricare i telefoni senza cavi) ma perché può essere usta per gli AirPods o qualunque dispositivo con carica wireless.

Oltre a questo ha un sistema per la ricarica di Apple Watch, grazie alla culla specifica e certificata.

Tutti questi dispositivi (se si usa un cavo al quale collegare lo smartphone) possono essere ricaricati insieme e visti i circa 32 Whr effettivi è in grado di ricaricarli tutti completamente almeno una volta.

C’è anche una uscita USB-A aggiuntiva, perfetta per altri accessori come cuffie e auricolari che non hanno specifiche esigenze in termini di velocità.

Sto caricando altre schede…

Belkin Boost Charge Plus

Le migliori batterie per la carica veloce degli iPhone e iPadLe migliori batterie per la carica veloce degli iPhone e iPad

Altra batteria di una certa originalità è la Belkin Boost Charge Plus. Il grande produttore di accessori ha messo in questa batteria due cose interessanti: le dimensioni,sottili e i due cavi integrati. Uno di questi è un cavo Lightning che ricarica iPhone il secondo è un cavo USB-C che ricarica un po’ di tutto tra cui gli ultimi iPhone 15.

Nonostante il cavo Lightning non sia Power Delivery c’è una porta USB-C che può essere sfruttata sia per ricaricare la batteria che per ricaricare un qualunque dispositivo ad alta velocità. Quindi se siete senza cavo in tasca la batteria la potrete collegare direttamente all’iPhone accontentandovi della velocità standard; se avete un cavo USB-C su Lightning e a quel punto sarà una classica batteria Power Delivery.

In più con il cavo USB-C ci ricaricate altro, delle cuffie ad esempio oppure un telefono Android sfruttando a fondo i 10000 mAh. La ricarica passante serve a ricaricare la batteria mentre a sua volta ricarica un dispositivo.

Sto caricando altre schede…

 

Lascia un commento