Zidane e Tuchel: “Superlega? Non ne vogliamo più sentir parlare”

Fonte foto: Profilo Twitter Chelsea

Domani sera ci sarà la prima semifinale di andata di Champions League dove si sfideranno Real Madrid e Chelsea. I due tecnici, Zinedine Zidane e Thomas Tuchel, hanno parlato nella conferenza stampa pre-gara per presentare la partita ed è scappato anche un pensiero alla Superlega.

Queste le parole del tecnico delle ‘Merengues‘:

Distratti dalla Superlega? È assurdo pensarlo. Da fuori se ne parla molto, noi non possiamo controllare le chiacchiere e io mi concentro sulla partita col Chelsea. Ma la mia opinione è che tutti vogliamo vedere il Real in Champions. Se appoggio il presidente Perez? Lui sa come la penso. Non vorrei più sentir parlare di questa cosa, perché se cominciamo a pensarci siamo fregati, e ci incartiamo. Domani abbiamo una partita, e dobbiamo concentrarci su questo e pensare a giocare. L’arbitro farà il suo lavoro e noi giocheremo al calcio. Se ci mettessimo a pensare a cose che esulano dal contesto del campo, ci complicheremmo la vita da soli.

Hazard è disponibile, Kroos giocherà mentre Mendy non ce la fa. Sia il Chelsea che noi abbiamo meritato di arrivare in semifinale, abbiamo fatto entrambi il nostro lavoro e anche loro hanno una certa esperienza nelle coppe. Sarà una partita complicata, dovremo stare molto attenti e difendere bene”.

Queste, invece, le parole dell’allenatore dei ‘Blues‘:

“Voglio vedere la nostra miglior versione contro il RealMadrid, è un buon momento per una partita così. Avverto la compattezza giusta nella squadra. Superlega? Tutti fanno errori, quando si guida un club può capitare di fare cose che non piacciano alle persone. Sono molto grato per il mio percorso da allenatore, non l’ho mai dato per scontato e per questo mi sento fortunato. Il prossimo obiettivo è mantenersi a certi livelli. Soltanto Kovacic non ci sarà, gli altri sono tutti disponibili”.

FONTE: sport.sky.it

 

LEGGI ANCHE: Superlega, i club inglesi volevano 9 squadre, ma ci fu il rifiuto delle altre

LEGGI ANCHE: Trevisani: “Juventus? Non si vede un progresso, è inquietante”

 

ULTIME NOTIZIE

Sorry! You are blocked from seeing ads