Serhij Rebrov, l’uomo che ha riportato il Ferencvaros e in Champions

Serhij Rebrov Ferencvaros
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Il Ferencvaros di Serhij Rebrov torna in Champions League

Serhij Rebrov e il suo Ferencvaros possono festeggiare. Il club più titolato d’Ungheria torna finalmente nella fase a gironi della Champions League. Non accadeva da ben 25 anni che i Fradi riuscissero ad accedere al tabellone principale della massima competizione europea. Non accadeva invece da dieci che una squadra ungherese riuscisse nell’impresa. Toccò al Debrecen nella stagione 2009/2010.

Il calcio ungherese torna in Champions, grazie ad un allenatore ucraino

Artefice di questa impresa firmata dal Ferencvaros dopo aver eliminato i norvegesi del Molde nella doppia sfida dei preliminari, è un allenatore ucraino. Si chiama Serhij Rebrov e allena il club più titolato d’Ungheria dal 2018. Classe 1974, Rebrov viene da una già lunga gavetta prima da allenatore in seconda e poi da allenatore “in proprio”. A svezzarlo è stata la sua Dinamo Kiev, partendo dalle giovanili fino ad arrivare alla prima squadra. Nel 2010/2011 ha avuto anche una parentesi come vice allenatore dell’Ucraina. Nella stagione 2017, invece, ebbe un’esperienza esotica in Arabia Saudita con l’Al-Ahli, conclusasi con un inaspettato esonero. Nell’estate 2018 viene chiamato dal club di Budapest col quale vince due campionati consecutivi, consentendo ai Fradi di fregiarsi della terza stella sullo stemma per i trenta campionati vinti.

Serhij Rebrov, il radioamatore che ha riportato il calcio ungherese nell’Europa che conta

Trentunesimo titolo nazionale che ha reso il Ferencvaros la “Juventus magiara”. Eppure alla Juve di Budapest mancava qualcosa. L’Europa e in particolare la Champions League. Nella stagione 1995/96 i Fradi furono la prima squadra ungherese a qualificarsi ai gironi della competizione. Da allora, però, non erano mai riusciti a superare lo scoglio dei preliminari. Venticinque anni dopo possono festeggiare dopo una doppia sfida ad alta tensione contro il Molde; e lo fanno grazie ad un allenatore di mestiere e radioamatore per passione. Un radioamatore che è riuscito a sintonizzare il calcio magiaro sulle frequenze del calcio che conta.

FOTO: Ferencvárosi TC Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO