Istantanee di due notti da Champions League: l’immensa Dea e la caduta degli dei

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

La Champions League è tornata! quante sorprese nella prima manche degli ottavi di finale…

Due giorni di Champions League da urlo quelli che si sono disputati ieri e l’altro ieri per gli ottavi di finale. La Coppa dalle grandi orecchie ha confermato il suo prestigio e il suo fascino, con risultati a sorpresa e partite a dir poco emozionanti.

Istantanee dalla prima tranche degli ottavi di Champions: la meravigliosa Dea

La copertina non può che essere dedicata a Gian Piero Gasperini e alla sua Atalanta. La Dea ha saputo incantare anche nel primo turno della fase ad eliminazione diretta, strapazzando un Valencia incerottato con un sonoro 4-1.  Una squadra e una città come Bergamo, ultime per fatturato, numero di abitanti, valore della rosa, ecc… ma felicemente nel ballo delle 16 grandi d’Europa. Un’altra pagina di storia c’è ancora da scrivere fra tre settimane al Mestalla. Ci sarà tanto da soffrire, la Champions League non ammette cali di tensione. Ma questa Dea vuole ancora incantare.

La caduta degli dei

Mentre a San Siro una squadra nerazzurra (e non era l’Inter) scriveva un’altra pagina memorabile nella sua storia e in quella della sua piccola città, a 1.300 km di distanza, l’idolo interista per antonomasia José Mourinho veniva sconfitto in casa con il suo Tottenham da un’altra Cenerentola (o quasi) della Champions League, ovvero i tedeschi della Red Bull Lipsia. L’1-0 è un risultato tranquillamente per lo Special One e i suoi Spurs, ma la sensazione è che il fattore Mou non ancora dia in tutto i suoi benefici. Se a Londra piangono, a Parigi non ridono. Il PSG apre i suoi ottavi di finale con un k.o. nel catino di Dortmund. Il 2-1 in terra tedesca è ribaltabile, ma quello che ha fatto specie è che di fronte ai vari Mbappé, Di Maria, Verratti Icardi, a prendersi la scena sia stato il diciannovenne norvegese Håland, bomber del Borussia Dortmund. La Champions League e le sue infinite sorprese.

FOTO: Uefa Champions League Twitter.

 

COMMENTA L'ARTICOLO