Conte: “Non siamo più arbitri del nostro destino. Uscire dal campo senza rimpianti”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Alla vigilia della sfida contro il Borussia Mönchengladbach, decisiva per sperare ancora nel passaggio del turno in Champions League, il tecnico dell’Inter Antonio Conte è intervenuto in conferenza stampa, prima della partenza per la Germania. Ecco le sue parole.

Cosa fare per non sentire troppo la gara come contro il Real? “Sono stati espressi tanti giudizi negativi sulla gara contro il Real, ho sentito parlare di dominio dei nostri avversari, ma è stato dimenticato che avevamo subito un rigore in avvio e perso un uomo dopo mezz’ora. Sfido chiunque a risollevarsi in fretta in gare così. Di sicuro quelle situazioni le abbiamo create noi e su questo dobbiamo lavorare per evitare che tutto diventi più difficile. Domani affrontiamo una buonissima squadra che sta facendo bene in Champions, servirà il nostro massimo e uscire dal campo senza rimpianti”.

Credete nel passaggio del turno a questo punto? “Abbiamo iniziato questo percorso da arbitri del nostro destino e oggi, se non lo siamo più, vuol dire che siamo mancati in alcune situazioni. L’unico modo per cercare di restare in vita è quello di vincere, anche se non sarà facile. Loro hanno dimostrato la loro forza, per noi è un’occasione per dare seguito al nostro percorso in Europa dove ci si trova spesso a giocare gare da dentro o fuori. E’ un ulteriore test”.

Occasione di rilancio per Hakimi? “Andate a rivedervi cosa ho detto a inizio stagione su Achraf, deve lavorare tanto in fase difensiva, ha delle grandissime potenzialità, ma in Italia ci sono pressioni e aspettative molto più alte rispetto a Inghilterra e Germania, specie se giochi nell’Inter”.

Quello senza trequartista è il modulo giusto per il futuro? “Per ciò che riguarda l’assetto tattico, continuo a dire che ci siamo trovati dopo pochissimo tempo a dover giocare gare ufficiali con i nuovi arrivati come Hakimi, Kolarov e Vidal. Darmian con me, come Arturo, avevano già giocato, ma con gli altri abbiamo dovuto stringere i tempi. Ci siamo trovati a doverli buttare nella mischia con tutti i rischi del caso. Giocando capisci tante cose, conosci meglio certe caratteristiche dei giocatori, che nel tempo magari hanno maturato nuove conoscenze. Qualche volta siamo riusciti a fare bene, altre meno”.

Foto: Twitter ufficiale Inter.

COMMENTA L'ARTICOLO