Pogba, parla Solskjaer: “Non abbiamo necessità di venderlo”

Paul Pogba, centrocampista del Manchester United
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Pogba e il possibile nuovo addio al Manchester United

Paul Pogba è uno degli uomini-mercato più chiacchierati in questa estate. Il centrocampista francese del Manchester United è da tempo nel mirino di alcuni dei principali clubs europei, le cui sirene lo ammaliano e non poco. Il calciatore transalpino era tornato allo United nell’estate di tre anni fa, dopo l’esperienza alla Juventus. E proprio la Juve è una della squadre che lo desiderano e che lo riaccoglierebbe a braccia aperte. Tutto, però, dipende da una serie di fattori, tra i quali il suo manager Mino Raiola.

Interviene Solskjaer

Sul tormentone Pogba, si è pronunciato anche l’allenatore dei Red Devils Ole Gunnar Solskjaer che ha parlato nel primo giorno della tournée tra Australia Singapore che vedrà impegnato il club inglese per un paio di settimane. L’allenatore norvegese, nel corso di una conferenza stampa a Perth, ha parlato anche della possibile cessione del “polpo” Paul:«In questi giorni ho sentito tantissime chiacchiere sui miei giocatori. O su quelli che staremmo trattando. Per me è normale, è la solita cosa. Quando sei allo United te lo immagini. Ho parlato con Pogba, Lukaku, Rashford e Lingard. Non abbiamo necessità di cedere nessuno e molti di questi, tra cui proprio Pogba, hanno un contratto lungo con noi.», ha commentato Solskjaer.

Si prevede un’estate calda a Manchester

Dunque, per lo United, la cessione di Pogba non è un’eventualità concreta. O almeno, l’allenatore sostiene così. Bisognerà vedere se la pensano in tal modo il diretto interessato e soprattutto il suo temibile agente Mino Raiola, il quale ha già fatto capire che Paul sente il bisogno di “nuove sfide”. Si prevede un’estate molto calda Manchester, sponda United. Juventus Real Madrid stanno alla finestra per il talento francese. Staremo a vedere se vincerà la “ragion di stato” degli inglesi, l’opzione di un romantico ritorno a Torino o il prestigio del Real.

COMMENTA L'ARTICOLO