Monza sempre più ambizioso: in arrivo Kevin-Prince Boateng!

Monza Boateng
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

L’ambizioso Monza punta una vecchia conoscenza dell’ultimo Milan di Berlusconi: in arrivo Kevin-Prince Boateng!

Monza sempre più scatenato e ambizioso. Il club brianzolo punta alla Serie A, dopo la promozione nel campionato cadetto ottenuta pochi mesi fa. Il duo Berlusconi-Galliani è letteralmente scatenato sul mercato e nelle prossime ore dovrebbe essere ufficializzato un grande colpo per la Serie B. Kevin-Prince Boateng sta per firmare con i biancorossi.

Boateng al Monza, tutto fatto per il grande colpo in Serie B!

Secondo quanto ha riferito poco fa il giornalista di Sky, Gianluca Di Marzio, l’operazione è praticamente fatta. Boateng arriverà in Brianza tra oggi e domani. Il calciatore sarà prelevato dalla Fiorentina, proprietaria del suo cartellino e nella quale aveva militato nella prima parte della scorsa stagione prima di essere ceduto in prestito al Beşiktaş. Con i turchi aveva collezionato 26 presenze e quattro reti. Per il classe 1987 inizia un’altra avventura nell’ormai sua Italia. Al Monza arriva un giocatore di grande esperienza e soprattutto di grande duttilità per mister Christian Brocchi. 

Il ghanese ritrova la premiata ditta Berlusconi-Galliani

Boateng al Monza è anche una sorta di “Operazione Nostalgia”. Il ghanese ritroverà la premiata ditta formata da Silvio Berlusconi Adriano Galliani che lo portarono al Milan nell’estate 2010. Il primo anno in rossonero fu forse il migliore di tutta la carriera di Kevin-Prince e culminato con la conquista dell’ultimo scudetto dell’era Berlusconi. In tre anni a Milanello il Boa ha collezionato 74 presenze e 17 gol, più le 11 presenze e un gol nel 2016. Un giocatore la cui crescita è stata limitata da qualche infortunio di troppo. Berlusconi e Galliani intanto sognano di ripetere in Serie B con lui l’exploit della stagione 2010/2011.

FOTO: Kevin-Prince Boateng Twitter.

Leggi anche: Storari torna alla Juventus: avrà ruolo nello staff dirigenziale

COMMENTA L'ARTICOLO