HOME>CALCIOMERCATO>Mercato “offensivo”: tanti bomber cambieranno maglia

Mercato “offensivo”: tanti bomber cambieranno maglia

Di Pierfrancesco Vecchiotti - il 8 Giugno 2018

Quella che ci apprestiamo a vivere sarà una sessione di calciomercato scoppiettante. I protagonisti saranno i grandi attaccanti delle big europee. Proviamo ad analizzare tutti i possibili scenari.

 

Cristiano Ronaldo e Neymar: tutto, o quasi, gira intorno a loro

Sono passate quasi due settimane dalla finale di Kiev. Ronaldo, subito dopo aver vinto la quarta Champions League con i blancos, ha detto: ” E’ stato un piacere giocare col Real Madrid”. Dichiarazione che da subito ha fatto pensare ad un addio. Oggi questa sensazione sembra trovare conferma: secondo il quotidiano portoghese “Record”, l’attaccante lusitano ha deciso di lasciare il Real Madrid. L’unica squadra che al momento sarebbe disposta a fare follie per CR7 sembrerebbe essere il PSG. Ronaldo vuole tornare ad essere il giocatore più pagato al mondo e sembra che il presidente del Paris, Nasser Al Khelaifi, sia disposto ad accontentarlo con un contratto da 45 milioni di euro a stagione. Poi però il ricco imprenditore qatariota dovrà convincere Florentino Perez. Il presidente dei blancos farà di tutto per far rientrare nella trattativa Neymar. Il brasiliano sarebbe l’unico in grado di non far rimpiangere il fuoriclasse portoghese. A Madrid però potrebbero prendere in considerazione anche un’offerta cash, a patto che sia superiore ai 150 milioni di euro. Se andrà in questo modo le conseguenze sul mercato dell’una e dell’altra squadra, ma non solo, saranno molteplici. Se guardiamo in casa PSG, la mancata cessione di Neymar e l’arrivo di Ronaldo spianerebbero la strada per un ritorno di Cavani a NapoliIl Real invece potrebbe buttarsi a capofitto su uno tra Robert Lewandowski  Harry Kane. L’attaccante polacco ha manifestato a più riprese la sua volontà di giocare con i blancos. Per Kane invece sarebbe l’occasione giusta per consacrarsi definitivamente come uno dei centravanti più forti al mondo. Se invece lo scambio si concretizzasse, Cavani potrebbe restare e il Napoli si butterebbe così su Karim Benzema. Non cambierebbe invece la situazione dei bomber di Bayern e Tottenham, che restano a prescindere in cima alla lista dei desideri di Florentino.

Juve, Inter e Milan: le strategie per rinforzare l’attacco

In Italia, oltre al Napoli che come detto ha messo nel mirino Cavani e Benzema, si muovono anche Inter, Juve e Milan. La notizia che più ha fatto discutere nelle ultime settimane è quella di un possibile scambio con protagonisti Gonzalo Higuain e Mauro Icardi. Si è addirittura parlato di un’offerta della società bianconera per “Maurito”:  50 milioni più il cartellino del “Pipita”.  Sembra al momento uno scenario irrealizzabile, vista soprattutto la rivalità tra le due società coinvolte nella trattativa. Per adesso però nessuno dei diretti interessati ha smentito e questo non fa altro che alimentare dubbi al riguardo. Comunque, a prescindere da questa ipotesi, i bomber di Juve e Inter potrebbero cambiare aria. Higuain interessa all’ Atletico Madrid, al PSG nel caso non riuscisse ad arrivare a Ronaldo e al Tottenham. Inoltre, in caso di arrivo di Sarri sulla panchina del Chelsea, sarebbe il primo obiettivo dei blues per rinforzare l’attacco. Maurito è corteggiato anche lui dal Chelsea e dall’Atletico di Simeone. In entrata la Juve pensa, oltre ad Icardi, ad Alvaro Morata. Il sogno però è quello di portare a Torino uno tra Griezmann, Lewandowski e Kane. La signora comunque si muoverà per rinforzare l’attacco soltanto nel caso in cui partisse uno tra Higuain, Dybala Mandzukic. L’Inter invece il primo colpo lo ha già messo a segno e si tratta del ventunenne Lautaro Martinez, prelevato dal Racing de Avellaneda per una cifra superiore ai 20 milioni di euro. Per quanto riguarda il Milan, nelle ultime ore si è parlato con insistenza di un possibile scambio col Monaco che vedrebbe coinvolti Andrè Silva e Radamel Falcao. La società rossonera ha bisogno di un attaccante che gli assicuri almeno 20 gol a stagione e il colombiano sembra essere l’uomo perfetto per cercare almeno un piazzamento tra le prime quattro in campionato. Il portoghese invece avrebbe la possibilità di mettersi alla prova in un contesto più adatto ad un giocatore promettente, ma ancora carente dal punto di vista tattico e della personalità. L’ostacolo in questo caso è rappresentato dall’ingaggio del “Tigre”, che percepisce uno stipendio da 10 milioni di euro netti a stagione. Il Milan difficilmente riuscirà a pareggiare questa cifra. Fondamentale sarà la volontà del giocatore di trasferirsi a Milano.

 

Come cambiano i valori in campo

E’ facile pensare che queste operazioni di mercato, in cui saranno coinvolti i più grandi attaccanti del mondo, sposteranno gli equilibri. Sicuramente non sarà facile per il Real Madrid sostituire Ronaldo, autentico trascinatore della squadra Campione d’Europa. Stessa cosa vale per l’Inter con Icardi, la Juve con Higuain e così via. La differenza, però, la farà il modo in cui verranno reinvestiti i soldi derivati da queste eventuali cessioni. Prendiamo il caso del Tottenham. Potrebbero essere costretti a vendere un giocatore che negli ultimi due anni ha messo a segno la bellezza di 76 reti, ma con quei soldi andranno molto probabilmente a  rinforzare una difesa che gli ha impedito in varie occasioni di raggiungere traguardi più prestigiosi. Dunque ora la palla passa agli uomini-mercato dei vari club. Noi godiamoci lo spettacolo, soltanto fra un anno sapremo chi avrà vinto questa battaglia.

Loading...