Inter fra mercato, plusvalenze e lista Champions: tutti gli aggiornamenti e quello che c’è da sapere

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

“A riveder le stelle…”. Il leitmotiv della nuova campagna abbonamenti nerazzurra si affida alla poetica dantesca per lasciarsi alle spalle l’inferno delle ultime stagioni, mettere piede in un purgatorio che, con il quarto posto e la qualificazione in Champions ritrovata, spalanca le porte ad un paradiso calcistico che l’Inter sogna di riscoprire dalla notte di Madrid. Ma come per Dante, il cammino dell’Inter è lungo e periglioso, una “selva selvaggia e aspra e forte” che mette davanti alla società milanese tre “fiere” da superare e che portano nomi ormai noti negli ambienti di Suning:  plusvalenze, calciomercato e limitazioni alla lista Champions dell’acerrimo nemico “Fair play finanziario”.

CAPITOLO SETTLEMENT AGREEMENT E PLUSVALENZE

Ma andiamo con ordine: il primo obiettivo stagionale dell’Inter era da raggiungere senza mettere piede in campo ma incastrando fra di loro i pezzi di un puzzle economico per raggiungere la cifra di 45 milioni di plusvalenze pretese dall’Uefa. Queste pretese arrivano da un accordo preso ormai 3 anni fa, quando Thohir stipulò un patto con i vertici del calcio europeo per rientrare nei paletti del Fair play che l’Inter, negli anni, aveva abbondantemente sforato. Tale accordo prende il nome di Settlement Agreement e prevedeva che l’Inter stesse sotto stretta osservazione dell’Uefa per le stagioni 2015/2016, 2016/2017, 2017/2018, 2018/2019. Il patto obbligava la società milanese a non superare la soglia di -3o milioni di deficit al 2016 e il break even (pareggio di bilancio) da raggiungere invece nel 2017 e nel 2018. A questo si aggiunge una multa di ben 20 milioni da pagare, di cui 6 milioni subito e divise in tre rate da due milioni e 14 milioni con la condizionale, cioè da pagare solo nel caso in cui l’Inter, al termine del Settlement, non dovesse aver rispettato gli accordi previsti. Per ottenere il pareggio di bilancio, l’Inter si è ritrovata a ridurre i costi per il calciomercato e, negli ultimi anni, cedere per ottenere le famose plusvalenze per rinvigorire il bilancio.

Con il termine plusvalenza si intende, in questo caso, ottenere una cifra dalla cessione di un giocatore che sia maggiore a quello che è il valore a bilancio del giocatore stesso. Il valore a bilancio non è uguale alla cifra che l’Inter ha sborsato per comprarlo, bensì al valore di acquisto/ anni di contratto. Ad esempio il chiacchierato acquisto di Kondogbia è stato pagato 40 milioni bonus compresi con un contratto di 5 anni. Di conseguenza dopo un anno il valore a bilancio di Kondogbia è sceso di 8 milioni, cioè il risultato di 40/5 anni di contratto. Il centrocampista francese è stato ora riscattato dal Valencia per 25 milioni e da questa cessione l’Inter ha ottenuto circa 7,8 milioni di plusvalenza in quanto, dopo 3 anni, il suo valore a bilancio era sceso a 17,2. Dei 7,8 milioni, l’Inter poi ha dovuto pagare il Monaco secondo accordi presi precedentemente e alla società milanese sono rimasti 2.5 milioni di plusvalenza.

Il primo obiettivo di Ausilio e dell’Inter per la nuova stagione era, pertanto, ottenere 45 milioni di plusvalenza per raggiungere il pareggio di bilancio. Tale cifra è stata soddisfatta alla chiusura del bilancio 2017/2018 che si è chiuso lo scorso 30 Giugno, grazie soprattutto alla cessione dei tanti giovani della primavera campione d’Italia di mister Vecchi.

 

Vediamo nel dettaglio le plusvalenze ottenute mettendo in risalto il prezzo di cessione, il valore a bilancio e la plusvalenza di ogni calciatore ceduto:

 

 

Calciatore (da  a )                      Prezzo di cessione           Valore a bilancio                              Plusvalenza 

Radu (da Inter a Genoa)                 p.o.r* a 7mln                                         0                                                     7 milioni

Valietti (da Inter a Genoa)                7 milioni                                              0                                                     7 milioni

Bettella (da Inter a Atalanta)            7 milioni                                             0                                                     7 milioni

Zaniolo (da Inter a Roma)               4,5 milioni                                          1,44                                                 3,06 milioni

Bardi   (da Inter a Frosinone)           1 milione                                            0                                                     1 milione

Odgaard (da Inter a Sassuolo)         5 milioni                                             1                                                      4 milioni

Manaj (da Inter a Albacete)             p.o.r 2 milioni                                  0,3                                                    1,7 milioni

Carraro  (da Inter a Atalanta)            5 milioni                                            0                                                      5 milioni

Kondogbia (da Inter a Valencia)      25 milioni                                         17,2                                              7,8 (2,5 all’Inter)

Nagatomo (da Inter a Galatasaray)    p.d.r* 0,7+2,5                                0,5                                                   2,7 milioni

Santon  (da Inter a Roma)                  9,5 milioni                                        1,2                                                  8,3 milioni

Biabiany** (da Inter a Parma)           1,5 milioni                                        0,4                                                 1,1 milioni

 

* p.o.r = prestito con obbligo di riscatto; p.d.r = prestito con diritto di riscatto

** Non ancora ufficializzato

 

LISTA CHAMPIONS LEAGUE

 

Alle limitazioni economiche si associano quelle sportive: in caso di qualificazione alle competizioni europee, l’Inter sarà costretta a presentare  una lista ridotta di 21 giocatori nel 2016/2017 e di 22 giocatori nel 2017/2018 o comunque nella prossima qualificazione europea, da compilare però basandosi sul valore complessivo della lista precedente con un totale di zero fra il valore della lista precedente e quella attuale. Perciò, ad esempio, un acquisto da 40 milioni potrà essere inserito in lista solo se l’Inter riuscirà a vendere uno o più giocatori della lista precedente per un valore di 40 milioni.

Al 2016/2017 scattarono le prime limitazioni di lista con gli acquisti più onerosi di Jovetic, Kondogbia, Joao Mario e Gabigol che furono costretti a rimanere fuori dalla lista per l’Europa League. Nella stagione 2016/2017 poi l’Inter di De Boer – Pioli non si qualificò per l’Europa e le successive limitazioni sono pertanto scattate alla stagione 2017/2018, quella che appunto ha riportato l’Inter in Champions League.

Nella compilazione della lista per la Champions League 2018/2019, da consegnare entro il 2 Settembre, l’Inter si ritroverà pertanto costretta a fare un po’ di conti per regalare a Spalletti una squadra europea adeguata agli impegni della competizione, in un girone che sarà probabilmente difficile dal momento che si partirà dalla quarta e ultima fascia.

Ad oggi l’Inter è riuscita a racimolare circa 50 milioni di spazio per inserire giocatori nuovi rispetto alla precedente lista dell’Europa League 2016/2017.

Vediamo i giocatori di quella lista e i soldi che l’Inter ha guadagnato dalle loro cessioni:

LISTA EUROPA LEAGUE 2016/2017
LISTA A
Portieri: Handanovic, Carrizo, Berni
Difensori: Andreolli, Ansaldi, D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Nagatomo, Ranocchia, Santon
Centrocampisti: Banega, Brozovic, Candreva, Medel, Felipe Melo
Attaccanti: Eder, Icardi, Palacio, Perisic, Biabiany
LISTA B
Zonta, Di Gregorio, Bakayoko, Miangue, Radu, Pinamonti, Gnoukouri
Si può notare come siano rimasti in pochi nell’attuale Inter. Negli ultimi due anni hanno salutato Carrizo, Andreolli, Ansaldi, Murillo, Nagatomo, Santon, Banega, Medel, Felipe Melo, Palacio e Biabiany.
Giocatore                                    Prezzo di cessione
Carrizo                                                  0
Andreolli                                              0
Ansaldi                                                 4 milioni (p.o.r 2+2)
Murillo                                                 13 milioni (p.o.r)
Nagatomo                                            2,5 milioni
Santon                                                  9,5 milioni
Banega                                                  7 milioni
Medel                                                    2,5 milioni
Felipe Melo                                          0
Palacio                                                  0
Biabiany                                               1,5
TOT                                                  40 milioni
A questi 40 milioni, vanno aggiunti circa 10 milioni di spazio di cui l’Inter non aveva usufruito per la compilazione della lista precedente, i soldi guadagnati dai giovani presenti alla voce LISTA B (3,5 milioni Miangue, 7 milioni Radu) e due “SELECTED PLAYER” le cui cessioni, secondo l’accordo con l’UEFA, potranno essere sfruttate dall’Inter anche se i giocatori selezionati non facevano parte della precedente lista. Ovviamente, l’Inter selezionerà le cessioni più remunerative, che ad oggi sono quelle di Kondogbia (25 milioni) e Caprari (15 milioni nell’ambito dell’operazione Skriniar), in attesa magari di trovare acquirenti per Joao Mario, oltre a Eder e Candreva che sono sul mercato e aprirebbero ulteriore spazio.
Il totale, ad oggi, porta quindi a circa 100 milioni (40 dalle cessioni dei giocatori in lista, 10,5 dalle cessioni della lista B, 40 milioni dai Selected player, 10 milioni di spazio precedente non usufruito).
CALCIOMERCATO
Dopo questa lunga premessa, si passa alla pratica più prettamente sportiva, quella che adorano i tifosi e che fanno passare le estati tra un tuffo al mare ed un nuovo acquisto. Il calciomercato dell’Inter si è aperto col botto, ma vediamo, seguendo tutto quello scritto sopra, come si potranno muovere Suning, Ausilio e Spalletti,
La rosa dell’Inter è stata già arricchita da ben 5 volti nuovi. Sono ufficiali gli acquisti di de Vrij, Asamoah, Lautaro Martinez, Nainggolan e Politano. Nella fattispecie i difensori rispettivamente ex  Lazio e Juventus De Vrij e Asamoah giungono alla corte di Spalletti da parametri 0, fatto questo che li rende immediatamente aggregabili alla Lista Champions senza dover cercare affannosi spazi fra entrate ed uscite. Diverso il capitolo Nainggolan: il centrocampista è stato acquistato per 24 milioni più i cartellini di Santon e Zaniolo in una operazione da 38 milioni. Saranno pertanto 38 i milioni di spazio necessari per inserire il Ninja nerazzurro in Europa, spazio che, già da ora, risulta disponibile per quanto suddetto. Particolare l’acquisto invece di Politano: operazione da 27 milioni ma delineata secondo un prestito oneroso da 5 milioni che non saranno cash ma saranno determinati dalla cessione del cartellino dell’attaccante danese classe ’99 Odgaard, valutato appunto 5 milioni. A questo si aggiunge un diritto di riscatto a 20 milioni più 2 di bonus che, qualora venisse esercitato, andrebbe a gravare sul bilancio prossimo e l’Inter potrà quindi inserire l’ex Sassuolo in lista Champions trovandogli solo un piccolo spazio da 5 milioni. Considerando che 38 milioni saranno occupati da Nainggolan, circa 23 da Skriniar, 5,5 da Borja Valero e 5 milioni da Politano, sugli attuali 100 milioni di spazio rimarrebbero solo 28,5 milioni che saranno occupati, necessariamente per completezza di organico fra i reparti, da un centrocampista fra Vecino (24 milioni) o Gagliardini (22). Al momento appare pertanto impossibile poter inserire entrambi i centrocampisti così come risulta difficile inserire Dalbert (20+6 di bonus) e Lautaro Martinez (23 milioni). Nessun problema ci sarebbe invece per Karamoh che verrà riscattato l’anno prossimo e quest’anno occupa 0 euro nella lista.
Ipotetica lista con spazi disponibili al 3 Luglio
Portieri: Handanovic, Padelli (0), Berni
Difensori: Miranda, Ranocchia, De Vrij (0), Skriniar (23), D’Ambrosio, Asamoah (0)
Centrocampisti: Brozovic, Borja Valero, Nainggolan (38), Vecino (24) ( o Gagliardini 22 ), Emmers (0,promosso in 1a squadra)
Attaccanti: Candreva, Karamoh (prestito biennale), Eder, Icardi, Politano (5), Perisic , Pinamonti
Da questa lista è evidente come l’Inter sia alla ricerca di un terzino, ma la volontà di Spalletti è anche aggiungere un mediano e un forte esterno d’attacco di piede mancino. Lo spazio che rimane, però, è di soli 12 milioni circa.
L’Inter cercherà pertanto di aprire qualche altro spazio cercando di cedere quei giocatori non ritenuti fondamentali dal tecnico di Certaldo. In questa lista rientrano Eder, Pinamonti e almeno uno fra Candreva e Karamoh. Dall’attaccante ex sampdoria l’Inter conta di racimolare una cifra fra i 7 e i 10 milioni (6,6 milioni è il valore a bilancio), stessa cifra che si conta di ottenere per il giovane Pinamonti (0,2 a bilancio) che nell’ultima Europa League era inserito in lista B. Per Candreva le offerte dovrebbero oscillare fra i 12 e i 15 milioni (11 milioni valore a bilancio). 
Ipotizzando queste cifre l’Inter si potrebbe garantire nuove plusvalenze per il bilancio prossimo e aprirebbe uno spazio per la lista fra i 26 e i 35 milioni.
Questo permetterebbe di poter effettuare almeno un altro acquisto a titolo definitivo per circa 20 milioni (Dembelè?) e utilizzare il resto per un prestito oneroso senza obbligo di riscatto fra i 5 e i 10 milioni (Malcom?). Seguendo questo ragionamento anche il nuovo terzino dovrà arrivare con un prestito senza obbligo per non superare la soglia di spazio ottenuta. A quel punto rimarrebbero fuori Dalbert, Lautaro Martinez e uno fra Vecino e Gagliardini, a meno di clamorose cessioni, Perisic su tutti.
Ipotetica lista Champions a fine calciomercato:
Portieri: Handanovic, Padelli (0), Berni
Difensori: Miranda, Ranocchia, De Vrij (0), Skriniar (23), D’Ambrosio, Asamoah (0), X (prestito con ddr)
Centrocampisti: Brozovic, Borja Valero, Nainggolan (38), Vecino (24) ( o Gagliardini 22 ), Emmers (0,promosso in 1a squadra), Dembelè (20)
Attaccanti: Karamoh (prestito biennale), Icardi, Politano (5), Perisic , Malcom (prestito 5-10)
Questa ipotetica lista conta 21 uomini, l’Inter avrebbe la possibilità di inserirne solo un altro. Inoltre va ricordato come 16 dovranno essere i giocatori liberi, 4 quelli cresciuti nei vivai italiani, 2 quelli cresciuti nel proprio vivaio ed il terzo portiere non rientra nella lista ma è da considerare un extra. 
A questo punto: Padelli, Ranocchia, D’Ambrosio, Politano o uno fra Icardi, Nainggolan e Gagliardini sarebbero i 4 cresciuti in Italia, mentre Emmers sarebbe l’unico del vivaio Inter (Berni non dovrebbe valere per quello detto sopra). Presumibile quindi che il 22esimo uomo possa essere un giocatore del vivaio presente o passato. L’eventuale ritorno invece di calciatori come Rafinha, dovranno seguire il medesimo diktat: a meno di importanti cessioni, potranno arrivare solo in prestito oneroso senza obbligo di riscatto o al massimo con prestito biennale e obbligo di riscatto, così da poterlo pagare nel bilancio successivo al 2019.
Conti, sogni, strategie…L’Inter lavora per riveder le stelle!

 

 

COMMENTA L'ARTICOLO