Barcellona: Ansu Fati rinnova fino al 2027

Foto: profilo Twitter Barcellona

Oggi il giovane attaccante che compirà 19 anni a fine mese rinnoverà il contratto con il club bluagrana fino al 2027. Secondo le indiscrezione anche sul suo contratto, come su quello dell’altro gioiellino Pedri, ci sarà una clausola da un miliardo.
Fati ha rilasciato un’intervista ai canali ufficiali del club prima della conferenza stampa. Ecco le sue parole: “È un onore, mi vengono in mente tanti ricordi. Tutto questo è un sogno per me e la mia famiglia, è emozionante continuare la mia storia con il Barça, l’ho sempre desiderato. Ringrazio la società per la fiducia, che spero di ripagare. Avevo detto ai miei agenti che volevo restare e restare tranquillo mentalmente, sono felice che sia successo. Mi sento amato e questo è uno degli elementi più importanti, lo è stato fin dal primo momento in cui ho messo piede ne La Masia. Sono dove voglio essere, motivato e felice. Ricordo come se fosse ieri il mio primo gol contro l’Osasuna ma in questi due anni ci sono stati tanti bei momenti. Il più emozionante è quello del primo allenamento: fu una sorpresa, avevo 16 anni e non potevo crederci. Poi è stato bello anche il giorno in cui sono tornato in campo dopo il lungo infortunio, riabbracciare la mia gente è stato spettacolare. La numero 10? Pesa molto e mi valuteranno per questo, ma nella mia testa so cosa posso fare. Non sento la pressione, sono calmo: nessuno sarà mai come Messi, devo andare per la mia strada. La sfida al Real? È la nostra grande rivale, giocheremo in casa e spero sia un fattore. Daremo tutto, siamo il Barça e ci viene chiesto di vincere tutto”.

Barcellona che dunque si presta a blindare un altro dei prospetti più interessante d’Europa proseguendo quel processo di ricostruzione iniziato con il nuovo presidente Laporta dopo la pessima gestione societaria di Bartomeu e l’addio di Leo Messi.

FONTE: Tuttomercatoweb

LEGGI ANCHE: Fuga dalla Serie A: Vlahovic il prossimo?

LEGGI ANCHE: Reggina, parla Turati “I tifosi possono essere l’arma in più. E su domenica…”