HOME>CALCIOMERCATO>Il calciomercato estivo inglese è fuori controllo

Il calciomercato estivo inglese è fuori controllo

Di Alberto Zenofonte - il 28 Settembre 2018

L'articolo prosegue qui sotto

Segui MondoCalcioNews su FACEBOOK, INSTAGRAM e TELEGRAM o SCARICA l'App

Il calciomercato estivo inglese 2018 è fuori controllo e nessuno, a cominciare da Uefa e Fifa, dice nulla. Psg e Juventus ci hanno abituato a cifre astronomiche per singoli trasferimenti ma anche in tal caso sono una, due massimo tre squadre per torneo  ( Spagna) a fare certe operazioni. In Inghilterra in tre quattro stagioni “nani” del mercato sono diventati giganti. Bilancio complessivo (escluso il totthenam fermo) in rosso di 53M per squadra.

Calciomercato delle grandi.

Mercato come al solito all’inglese (e poi parlano di fair play finanziario).

Il City ha speso 71M, la cifra minore delle ultime cinque stagioni con un bilancio in rosso di “solo” 40M. Lo United invece in rosso di 60M frutto dell’acquisto di Fred. Il Liverpool ha speso qualcosa come 18OM per quattro giocatori compreso Allison dalla Roma. Il Chelsea è andato in rosso di 80M con soli due acquisti. Arsenal in rosso di 70M per aver venduto quasi nulla.

Mercato delle altre.

Per quanto assurdi questi bilanci, rientrano ancora nell’ottica inglese del calcio fatto di merchadaising, stadi privati, diritti tv ecc.  Non torna il resto però.

Due i casi emblematici: Leicester e Bringhton. Il Leicester passato alla storia per lo scudetto vinto nel 2016. Saldo mercato pre scudetto:  -40M, stagione successiva -25M coperti in buona parte dalla fase a gironi di Champions League. In questa stagione stesso bilancio ma niente coppe europee. Inoltre tra entrate ed uscite mossi quasi gli stessi soldi delle due stagioni citate.

Il Brighton nonostante i risultati modesti continua a spendere cifre non giustificabili. Saldo mercato in rosso di 58M in questa estate  e oltre sessanta nella scorsa stagione. Nel 2016-2017 in B aveva ottenuto la promozione muovendo sul mercato solo 5M.

Altro caso limite il Bournemouth, in rosso per aver comprato un giocatore pagandolo 14 volte il valore teorico di mercato.

Ultima questione che riguarda sia le grandi che le altre (e che la Uefa fa finta di non vedere) è il rapporto bidirezionale tra club inglesi e olandesi. City, Chelsea e altre hanno diversi giocatori in prestito in Olanda, mentre il Bringhton ha speso 40M in due stagioni per due punte da club olandesi.

Ti piace scommettere? UNISCITI al canale Telegram di MondoCalcioNewsBetting

Loading...