Spadafora: “Non del tutto superato il problema quarantena”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Sulla Serie A veleggiano ancora delle nubi. Sono quelle che riguardano i protocolli di sicurezza nel campionato che sta per riprendere. Si ricomincia il 20 giugno con i recuperi della 25esima giornata, manca poco tempo per poter cambiare in corsa una norma contenuta in un decreto legge. 

La situazione sanitaria legata al Covid 19 nel nostro Paese è in netto miglioramento.  Di questo ne sono consapevoli tutte le parti interessate, dal ministro dello Sport Spadafora al presidente della FIGC Gravina. Le alternative per sbloccare una situazione in stallo sono due: o si fa un emendamento, oppure si inserisce la norma  in un prossimo decreto. Fatto sta che i tempi materiali per riprendere non ci sono, il 20 giugno è dietro l’angolo. Sono state queste le parole del ministro Spadafora, intervenuto ad una trasmissione televisiva su RAI 1. La FIGC è interessata alla modifica della quarantena di 14 giorni per l’intero gruppo della squadra qualora un solo giocatore risultasse positivo al Covid 19.

Occorre che ci sia il più ampio consenso possibile, tutte le parti in causa devono valutare attentamente le decisioni da prendere. Per questo Spadafora si consulterà sia con il Presidente del Consiglio che con il ministro della Salute Speranza. Tra le soluzioni quasi certe c’è quella che porta alla modifica del decreto. La FIGC aveva comunque dato disponibilità per giocare con il primo protocollo, quello che prevede 14 giorni di isolamento per tutto il gruppo squadra. Nei prossimi giorni saranno prese decisioni concrete al riguardo.

Foto: Calcioefinanza.it

COMMENTA L'ARTICOLO