Sotto sequestro il 60% del Teramo Calcio: in carcere i fratelli Ciaccia

Foto: logo Teramo

La Guardia di Finanza dei reparti Gico di Roma, assieme ai colleghi del comando provinciale di Teramo, hanno messo questa mattina in stato di fermo i fratelli Ciaccia (Davide e Mario), i due imprenditori titolari della Emgat, società che ha acquistato il 60% del Teramo Calcio. I militari delle Fiamme Gialle si sono presentati stamattina all’Hotel Sporting di Teramo, luogo nel quale solo Davide era presente e in cui gli è stato notificato un provvedimento giudiziario emesso dalla Procura di Roma per un’inchiesta riguardante il riciclaggio. I finanzieri, inoltre, hanno perquisito la stanza e l’auto di Davide Ciaccia. Successivamente è stato trasferito nella caserma della Guardia di Finanza a Teramo, dove gli è stato notificato un provvedimento con le contestazioni di associazione per delinquere rivolta alla truffa ai danni dello Stato, indebite compensazioni, riciclaggio, autoriciclaggio e intestazione fittizia. I due fratelli sono stati trasferiti in carcere.