Robinson, ex Milan:”Mio problema al cuore causato da caffeina”

Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Antonee Robinson e la fugace apparizione al Milan interrotta dal suo cuore

Antonee Robinson, è un terzino sinistro anglo-americano, classe 1997 che nello scorso mercato di riparazione stava per realizzare il sogno di giocare in Serie A con la maglia del Milan. Un sogno precocemente interrotto da un problema cardiaco che ha rischiato di compromettere anche la sua carriera. Dopo una delicata operazione a giugno, il calciatore è tornato in campo qualche settimana fa con il Wigan Athletic e ora guarda serenamente al futuro.

Robinson:”Quando al Milan mi diagnosticarono il problema al cuore ho pianto”

Certo, il grande rimpianto per quell’occasione mancata rimane e tornare a parlarne è stato evidentemente difficile per Antonee. Il calciatore ha parlato di quella esperienza nel podcast “Can I get a picture” di Sol Lovemore:«Quando sono arrivato a Milano sono stato accolto da TV e giornalisti. Mi faceva ridere pensare che facessero tutto questo per me. Poi ho cominciato a fare le visite mediche in ospedale, in particolare uno stress test in cui dovevo correre su una cyclette ad alta intensità per quindici minuti. I medici parlavano in italiano e non riuscivo a capirli, poi uno di loro mi ha chiesto se avessi avuto problemi cardiaci. Mi hanno fatto fare altri controlli e poi in sede dove mi hanno detto che non mi potevano prendere perché era stata riscontrata una aritmia. È stato straziante, doloroso.»

Un’aritmia per colpa del caffè

Dopo il buio di quella esperienza al Milan è tornato il sereno per Robinson:«Fortunatamente si trattava di un problema risolvibile con un intervento chirurgico con una percentuale di riuscita al 70 %. A causa del lockdown l’operazione è stata spostata a giugno. Ora sto bene e ho ripreso a giocare. Alla fine abbiamo scoperto che il mio problema è stato causato da un abuso di caffeina. Dopo il lockdown ho cambiato stile di vita e questo mi ha aiutato molto.»

FOTO: Antonee Robinson Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO