Mihajlovic:”Covid superato, ma quanto fango su di me!”

Mihajlović Covid-19
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Mihajlovic, anche l’incubo Covid-19 è superato!

Sinisa Mihajlovic sembra essere un uomo bionico. Dopo aver superato una brutta leucemia che lo aveva colpito lo scorso anno, l’allenatore serbo del Bologna sembra essere uscito indenne anche da un’altra brutta bestia come il Covid-19 che lo aveva colpito negli scorsi giorni. Il tecnico dei felsinei, positivo ma asintomatico, è risultato negativo anche al secondo tampone e dunque tecnicamente guarito. Tuttavia, la malattia ha qualche strascico soprattutto a livello psicologico.

Mihajlovic alla Gazzetta:”Quanto fango su di me!”

Dopo la guarigione, Mihajlovic è tornato a parlare in una intervista pubblicata stamattina sulla Gazzetta dello Sport. L’allenatore del Bologna, come sempre parla a cuore aperto con la sua solita schiettezza che lo contraddistingue. L’argomento principale non può che essere il Covid che lo ha colpito. Se il virus non ha lasciato grossi strascichi a livello fisico (un miracolo nella sua condizione), qualche piccolo fastidio a livello mentale lo ha dato. A cominciare dalle due settimane di quarantena, una vera e propria tortura per uno come lui che non sta mai fermo:«In quindici giorni avrò visto cinquanta film, chiuso in camera da solo per la quarantena!». Quello però che ha lasciato il segno però sono state le polemiche per la sua positività al virus dopo una vacanza in Sardegna:«Ho battuto anche il Covid, ma quanta invidia e quanto fango su di me!», ha dichiarato Sinisa.

“Coronavirus? Pericoloso”

Un aspetto quello delle polemiche sulla sua vita privata che gli ha lasciato tanta amarezza:«Non ho fatto nulla di sbagliato: dare sempre la colpa al lupo è da pecore… io e i miei famigliari abbiamo fatto tutti i controlli del caso e ci dobbiamo prendere lezioni da qualcuno?», commenta amaramente Mihajlovic. Ora anche questo incubo sembra essere passato:«Ora sto benissimo, ma il Covid è pericoloso.», ha chiosato l’allenatore del Bologna.

FOTO: Bologna FC Twitter.

COMMENTA L'ARTICOLO