Mehdi Benatia: “Se a Roma vendono tutti ogni anno non si vince”

Mehdi Benatia, ex difensore di Udinese, Roma e Juventus, attualmente militante nel Al-Duhail, è intervenuto telefonicamente per rispondere alle domande del quotidiano “Il Tempo”.

LA SITUAZIONE CORONAVIRUS

Medhi Benatia, inizialmente, ha parlato dell’attuale problema globale del Coronavirus e di come si sta riflettendo anche sul mondo del calcio:

“Paura? Certo che ne ho. Io ho quattro bambini, i miei genitori sono lontani e mia nonna è anziana. Solo pochi giorni fa ho perso un amico, l’ex presidente del Marsiglia, Pape Diouf. Altri a Parigi sono stati contagiati e anche alcuni miei compagni ai tempi della Juventus. I giocatori della Juve fuggiti da Torino? Non voglio fare polemica, in Italia si fanno sempre drammi. Chi è partito era da solo, lontano dai figli, dai genitori malati ed era risultato negativo al test. E’ normale, se si ha la possibilità, voler stare vicino ai propri cari.

Qui in Qatar hanno bloccato le frontiere subito, al contrario dell’Italia, e i contagi sono limitati. Hanno chiuso le attività in fretta e siamo rimasti a casa fin dall’inizio. Le mie giornate le trascorro seguendo i miei bambini, la scuola online francese ha un bel programma. Poi faccio palestra e riesco ad andare in piscina, poiché ne ho una privata. Dybala positivo? Ci sentiamo spesso, lui ora sta bene. Lui, Rugani e Matuidi sono giovani e in forma, questa è la loro fortuna. Temevo si fossero contagiati anche gli altri, diciamo che è andata bene.

Non si possono annullare i campionati, come fai ad andare dal Liverpool o dalla Lazio e dire che la stagione è finita? Anche se fosse ad Agosto ma è obbligatorio riprendere. Sul taglio degli stipendi fanno bene i giocatori che accettano, dimostrano di essere grandi persone. Noi siamo fortunati anche se rinunciamo a 2 o 3 mesi dei nostri stipendi. Non capisco perchè c’è sempre gelosia nei confronti dei calciatori. Mi piacerebbe vedere la stessa generosità che hanno avuto i giocatori anche da parte dei più ricchi, chi governa ad esempio. Non sono sorpreso che la Juve sia stata una delle prime a dare il buon esempio. C’è gente responsabile, campioni veri, un gruppo che è una famiglia. Anche la Roma sta facendo moltissimo, sono molto orgoglioso di loro”

MEHDI BENATIA E LA ROMA

Pur avendo militato una sola stagione con la maglia della Roma, Mehdi Benatia ha ancora a cuore le sorti dei colori giallorossi. La sua stagione con la maglia capitolina (la 2013-14) fu strepitosa come rendimento, con uno scudetto sfiorato prima della cessione al Bayern Monaco. Anche nella parte restante dell’intervista, il difensore marocchino non nasconde il suo interesse per la Roma:

“A Roma ho trascorso una sola stagione ma rimarrà sempre nel mio cuore. E’ stata la migliore in assoluto, la mia Roma era troppo bella. Dopo sei mesi ho pensato che non me ne sarei mai andato, volevo chiudere la carriera a Trigoria. Però hanno deciso di vendermi al Bayern. Io spero che la Roma potrà avere una squadra all’altezza dei propri tifosi. Una squadra che lotti ogni anno per vincere campionato e Champions perchè lì c’è una passione infinita. Tifosi come i romanisti non ne ho mai conosciuti. Mi auguro che i dirigenti riescano a fare una grande Roma e la smettano di vendere tutti. Devono imparare a tenersi i migliori, come fanno Juve, Real o Barcellona. La Roma deve saper lottare con loro, rendere orgogliosi i tifosi.

Ricette vincenti? All’Udinese siamo arrivati in Europa per tre anni. Pozzo prese me, Sanchez, Handanovic, Zapata. Non ci conosceva nessuno e ci ha venduto bene. Così si fanno i soldi. La Juve, invece, ripartì con un progetto serio: prese Pogba a zero, Barzagli quasi in scadenza, Bonucci dal Bari. Perchè la Roma non lo fa? In sette anni hanno venduto Alisson, Salah, Nainggolan, Pjanic, Strootman, Osvaldo, Lamela, Marquinhos, Gervinho e il sottoscritto. Troppi. Se ci avessero tenuto, avremmo vinto sicuramente qualcosa. Il problema è nella loro gestione, tutto qui”

Infine, Mehdi Benatia si è regalato una battuta, rispondendo ad una domanda su cosa farà per prima cosa appena tornato alla normalità: “Andrò dal parrucchiere! Poi organizzerò una bella vacanza con la famiglia e gli amici veri, tipo Pjanic”.

Credits: calciobetter.com