Maradona, il ricordo sui social di un campione che non dimenticheremo mai

Diego Armando Maradona
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Sono tanti i messaggi di cordoglio dei personaggi del mondo dello sport che accompagnano la scomparsa del più grande di tutti: Diego Armando Maradona

Da Messi a Insigne. Da Pelé a Baggio. Fino ad arrivare a Valentino Rossi e Nadal.

La vita di ognuno di noi è come una tela che cosa possiamo dipingerci sopra? Diego Armando Maradona ha dipinto grande calcio. Così come al Louvre possiamo ammirare nei secoli la Gioconda di Leonardo, le generazioni future ammireranno quanto Diego ha saputo dipingere con il suo calcio. Questo rimarrà nei secoli a venire e questo determina la grandezza di un uomo. Ricordo ancora la semifinale del mondiale del 1990, così come le molte volte che l’ho incontrato in campo. Buon viaggio Diego e non dimenticarti di portare il pallone nel viaggio della luce tranquilla dell’eternità” (Roberto Baggio all’Ansa)

Sono cresciuto sentendo i racconti della mia famiglia sulle tue gesta – ha aggiunto  Insigne – vedendo e rivedendo le tue infinite partite. Sei stato il più grande giocatore della storia, sei stato il Nostro Diego. Ho avuto la fortuna di incontrarti, parlarti, conoscerti e non ti nego che mi tremavano le gambe. Per me hai sempre avuto belle parole, parole di conforto che non potrò mai dimenticare e che custodirò per sempre dentro di me. Da tifoso, da Napoletano, da Calciatore: Grazie di tutto D10S. 
Ti ameremo per sempre” (Insigne su Instagram)

È una giornata molto triste per tutti gli argentini e per il calcio. Ci lascia ma non se ne va, perché Diego è eterno” (Leo Messi)

Il mondo ha perso un campione, io un amico. Un giorno giocheremo insieme in Cielo” (Pelé)

Ciao Diego, mago de la pelota” (Valentino Rossi su Instagram)

Tutti vogliono lasciare un ultimo messaggio al Pibe De Oro, un campione oltre il tempo. Un personaggio che non dimenticheremo mai. Maradona vivrà per sempre, sarà nel cuore di tutti noi. Per le sue gesta, per il suo modo di vivere il calcio, dentro e fuori dal campo. Tra pregi e difetti. Come un normale essere umano.

Con la sottile differenza che, salendo in cielo, è diventato eterno. Un Dio all’Olimpo del Calcio. Si chiude una delle pagine più importanti della storia di questo sport. E allora non possiamo fare altro che ringraziare chi ci ha regalato Diego per così tanti anni, dandoci la possibilità di ammirarlo in tutto il suo genio e sregolatezza.

Si accendono le luci del San Paolo e quelle della Bombonera. Perché a tutti piace vederlo ancora lì. In un rettangolo di gioco. Con ai piedi un pallone. Con il sogno di ogni bambino che ambisce un giorno a diventare Diego Armando Maradona.

AD10S Dios de la Pelota

Foto: Profilo Twitter Lega Serie A

COMMENTA L'ARTICOLO