Inter Vecchioni si unisce alla festa scudetto: ” Adesso siamo come usciti da una prigione”

Fonte foto: Logo Inter

Inter, dopo la vittoria matematica dello scudetto a parlare è Roberto Vecchioni

Roberto Vecchioni, icona della musica italiana e tifosissimo nerazzurro, parla al Corriere dello Sport delle sue sensazioni dopo la vittoria del 19esimo scudetto dell’Inter. Di seguito le parole di Roberto Vecchioni.

Vecchioni sulla vittoria dello scudetto

“Dieci anni sono lunghi. Quindi sì, oltre a essere un trionfo è anche un evento. Per onestà devo dirlo: erano quattro o cinque giornate che mi sentivo piuttosto sereno. Ormai era chiaro che nessuno avrebbe più potuto raggiungerci. Anche perché dietro c’era il Milan, che non mi è mai sembrato affidabile”.

Vecchioni sullo scudetto vinto a porte chiuse

“Rendono quasi il campionato più giusto. Non c’è casa e non c’è trasferta, ogni confronto è alla pari. Manca il dodicesimo uomo. Questo titolo ha un sapore diverso, non per forza meno piacevole”.

Vecchioni su un’immagine della vittoria dello scudetto

“La sintesi dello scudetto dell’Inter invece è un urlo, un urlo di liberazione. Adesso siamo come usciti di prigione”.

Vecchioni e un suo giudizio su Conte

“Lo abbiamo accolto con la puzza sotto il naso, perché nasconderlo? E sarebbe accaduto lo stesso in qualsiasi altra squadra. Eppure evidentemente la sua formula funziona. Non ho sempre visto un’Inter brillante, anzi. Conte però è riuscito a rimettere in carreggiata la squadra, a tenere altissima l’attenzione nello spogliatoio e nel club e alla fine ha portato a casa lo scudetto”.

Consulta anche: Moratti sulla vittoria dello scudetto dell’Inter 

Fonte: Fcinternews.it

ULTIME NOTIZIE

Sorry! You are blocked from seeing ads