Inter, senti Riccardo Ferri: “Inzaghi? Non è assolutamente una seconda scelta da parte della società”

Foto: Screenshot Premium Calcio Diretta

Ai microfoni di Tuttomercatoweb Radio, è intervenuto Riccardo Ferri, il quale si è voluto soffermare su Simone Inzaghi che è stato presentato quest’oggi a San siro come nuovo allenatore dell’Inter e non solo:

Marotta parla di scenario inquietante e di scelte dolorose, ma che il progetto Inter continua.

“Le parole di Inzaghi racchiudono il significato di fare l’allenatore dell’Inter. La sua scelta non è di ripiego ma è dovuta al fatto che si doveva scegliere un tecnico di qualità che portasse avanti un progetto ambizioso. In passato ha dimostrato di saper gestire certe situazioni. Credo si debba collocare in una società ambiziosa ma può beneficiare di un lavoro straordinario fatto da Conte. Oggi c’è la consapevolezza di essere forti, di non accontentarsi e di fare ancora di più. Questa dirigenza ha affrontato situazioni difficili e credo che la società farà di tutto per cogliere le occasioni sul mercato”.

Un esterno che potrebbe prendere al posto di Hakimi?

“Lazzari è un giocatore interessante, che riesce a strappare molto bene su quella fascia. I dirigenti però sono molto più competenti e coglieranno le occasioni che si presenteranno. Quello che non deve cedere? Marotta. Credo che abbia fatto un lavoro straordinario, a partire dalla scelta di Conte, di cui molti erano dubbiosi. Le sue scelte sono state sempre azzeccate”

Per la prima volta Milan e Inter hanno un allenatore che, rispetto alla concorrenza, sono un gradino sotto. È vero?

“Un grande allenatore lo deve dimostrare di esserlo anche in condizioni di difficoltà. Inzaghi ha fatto benissimo alla Lazio, ha dato un’identità alla squadra, così come Pioli. Per me le milanesi possono essere ancora protagoniste”.

Leggi anche: Inter, Inzaghi si presenta: “Una sfida che mi ha convinto subito. Lotito? Nella vita vanno fatte scelte”

ULTIME NOTIZIE