De Rossi: “Mondiale del 2006 il ricordo più bello. Totti è stato il più grande di tutti”

Daniele De Rossi, ex centrocampista della Roma
Fonte foto: %author%

SEGUICI SU

Di seguito l’intervista della FIFA a Daniele De Rossi: “Il 9 luglio 2006 la partita più bella della mia carriera”

Nessuno come Totti, è il miglior calciatore con cui abbia giocato“. Daniele De Rossi si è raccontato in una lunga intervista per la FIFA in occasione della premiazione dei “Best FIFA Football Awards“. Tanti i temi toccati dall’ex bandiera della Roma: da Totti fino ad arrivare al Mondiale vinto in Germania con l’Italia.

Su Totti: “Ho giocato con calciatori eccezionali, grandi campioni, ma Francesco Totti è stato il più grande di tutti. Aveva qualcosa che gli altri non avevano. Poteva trovare i suoi compagni di squadra ovunque sul campo, anche se erano lontani. Non ho mai visto nessun altro fare quello che ha fatto lui sul terreno di gioco“.

Sul premio di calciatore dell’anno: Messi è sempre il miglior giocatore, ma se si guarda all’anno passato, se lo merita Lewandowski. Ha vinto la Champions League, ha segnato un numero enorme di gol ed è stato il migliore se si guarda anche a come ha giocato“.

Sul premio di miglior allenatore: Non è facile, perché i candidati hanno ottenuto tutti grandi risultati. Di solito la persona che ha vinto più titoli riceve anche il premio, quindi Flick del Bayern Monaco è il favorito. Se lo è guadagnato sul campo. Qualsiasi allenatore che arriva in un club sei mesi prima della fine della stagione, deve fare i conti con una pandemia che cambia tutto e nonostante questo vince tutto, si merita il premio“.

Sul Mondiale del 2006: Il 9 luglio del 2006 è stata ovviamente la partita più bella della mia carriera perché è stato quando abbiamo vinto il Mondiale. Non c’è niente di meglio che diventare campioni del mondo“.

LEGGI ANCHE: Inter, il retroscena di Branca: “Provammo a portare Hamsik in nerazzurro. Lavezzi? Solo voci”.

FOTO: Profilo Twitter Zona Giallorossa

COMMENTA L'ARTICOLO