Cessione Inter, Suning spara alto: un miliardo per il controllo totale

Fonte foto: Profilo Instagram Inter
Sorry! You are blocked from seeing ads

SEGUICI SU

Suning, cessione a una condizione la cifra deve essere di un miliardo di dollari

Steven Zhang e l’Inter non si vogliono separare, almeno nell’immediato. Questo è quello che emerge dal racconto di Carlo Festa, giornalista del Sole 24 Ore, che sul suo blog “The Insider-Dietro le quinte della finanza“, riepiloga la situazione sulla cessione dell’Inter.

Secondo Carlo Festa, infatti Suning avrebbe chiesto una cifra pari a un milione di dollari per cedere tutto il pacchetto nerazzurro. Tale cifra avrebbe già allontano un investitore importante come Bc Partners fermo all’offerta di 700 milioni di dollari. L’allontanamento di Bc Partners avrebbe lasciato alla famiglia Zhang due opzioni: il prestito e la cessione di una quota della società milanese.

Cessione Inter: l’ipotesi prestito

In base agli ultimi rumors, l’ipotesi di prestito sarebbe quella più gradita a Steven Zhang che non vorrebbe abbandonare i nerazzurri a fine stagione. Gli attori che sarebbero disposti a concedere dei soldi al colosso cinese sono due fondi americani: Fortress e Bain Capital Credit.

Il problema dell’ipotesi prestito è il già grave indebitamento del club milanese, 400 milioni di euro, ai quali si andrebbero ad aggiungere altri 250 milioni versati nelle casse nerazzurre da uno dei due fondi americani sopra citati.

Cessione Inter: l’ipotesi Pif

La seconda opzione per Suning sarebbe quella di vendere solo una parte delle quote della società al fondo dell’Arabia Saudita Pif. Secondo indiscrezioni gli avvocati di Freshfields avrebbero contattato la famiglia Zhang per far pervenire un’offerta proprio dal fondo saudita, interessato all’acquisto di una parte delle quote del club.

Ad oggi nulla è ancora chiaro sulla vicenda, quello che è certo è che l’Inter e Suning dovranno trovare una soluzione entro la fine dell’anno.

Consulta anche: Inter, chi per il dopo Pirelli 

Fonte: Fcinternews.it

COMMENTA L'ARTICOLO
Sorry! You are blocked from seeing ads