Addio a Jack Charlton, il britannico che conquistò l’Irlanda calcistica

Il mondo del calcio piange Jack Charlton

Jack Charlton, calciatore inglese Campione del Mondo nel 1966 e fratello di Bobby, è morto la scorsa notte all’età di 85 anni dopo una lunga malattia. Lo ha reso noto il Leeds Unitedclub del quale Charlton è stato leggendario difensore e bandiera dal 1952 al 1973.

Jack Charlton, un’inglese che conquistò l’Irlanda del pallone

Forse meno famoso e meno dotato del fratello Bobby, Jack Charlton ha lasciato comunque un’impronta incancellabile nel calcio britannico. Una vita del “maledetto Leeds United”, una carriera con la maglia dell’Inghilterra culminata con la conquista dei Mondiali nel 1966 e una discreta carriera da allenatore che ha avuto il suo apice sulla panchina della nazionale della Repubblica d’Irlanda. Jackie, infatti, fu chiamato ad allenare la rappresentativa dell’isola di Smeraldo nel 1986. Un inglese nella cattolica Repubblica irlandese che saprà però farsi amare da tutti i tifosi.

Il primo Europeo e il primo Mondiale

Grazie a Charlton, infatti, l’Irlanda visse il suo momento migliore nella sua storia calcistica. Nel 1988 ottenne la prima storica qualificazione ad un torneo internazionale, portando i “Boys in Green” ai Campionati Europei 1988. In Germania, gli uomini di Charlton mancarono di un solo punto la qualificazione alle semifinali, ma i tifosi irlandesi si “consolarono” con la clamorosa eliminazione degli acerrimi rivali inglesi. Poco importa, perché Jack Charlton sta per scrivere un altro pezzo di storia del calcio irlandese. Due anni dopo, la sua nazionale verde, non manca l’appuntamento con i Mondiali di Italia 90 dove l’Irlanda stupisce. L’avventura nel primo torneo iridato per i trifogli si conclude ai quarti di finale per mano dell’Italia padrona di casa che punisce i verdi con un gol di Totò Schillaci. Resterà però memorabile l’epica partita precedente contro la Romania, decisa ai rigori con penalty decisivo di David O’ Leary, un irlandese nato in Inghilterra. Quel giorno, una nazione intera trattenne il fiato, come disse il telecronista George Hamilton.

Gli anni successivi e il mito di Jack Charlton in Irlanda

Dopo aver mancato la qualificazione agli Europei del ’92, l’Irlanda di Charlton si presentò ai Mondiali di Usa ’94. Stavolta l’avventura s’interruppe agli ottavi per mano dell’Olanda. La squadra si era anche tolta lo sfizio di battere l’Italia all’esordio e di qualificarsi come seconda nel suo girone. Ancora l’Olanda negherà alla nazionale irlandese la partecipazione ai successivi europei. L’avventura irlandese di Jack Charlton si concluse nel 1996, con il governo di Mary Robinson che gli conferì la cittadinanza onoraria a testimoniare quello che di positivo che aveva fatto per il calcio irlandese.

FOTO: FA Ireland Twitter.