A TUTTO MILAN: un grande obbiettivo di mercato, i pericoli in Europa League, il ritorno di Kakà

06 Settembre 2018 - 14:44 di

Copyright © 2018 - 2018 MondoCalcioNews.it - Riproduzione riservata

E’ GIA’ UN GRAN MILAN

Siamo nel bel mezzo della sosta del campionato, che permetterà ai rossoneri di riprendere le forze per poter continuare al meglio la stagione. Il primo impegno dopo le partite delle nazionali, sarà la trasferta di Cagliari, campo insidioso, dopo le ultime prestazioni dei sardi, tra le quali spicca la vittoria in trasferta contro l’Atalanta. Milan, che dovrà ripartire dal successo contro la Roma nell’ultima giornata e dai primi 3 punti conquistati in questa stagione. Gattuso ha dichiarato che punta moltissimo sulle cinque partite abbordabili, prima del complicato derby contro l’Inter. Rino sembra voler proseguire con il 4-3-3, in cui Gonzalo Higuain ha dimostrato di avere un ruolo importante non solo in zona gol, ma anche nella fase di creazione del gioco. El Pipita con la sua percentuale di passaggi riusciti contro i giallorossi pari al 95%, ha dimostrato di essere un uomo fondamentale per l’azione complessiva della squadra. L’argentino ha fatto salire la squadra con la sua fisicità, ha spaziato sia in attacco che a centrocampo e ha fatto vedere un’ottima visione di gioco, soprattutto con quell’assist per il gol di Cutrone, il baby bomber pronto ad apprendere dal suo esperto compagno di reparto.
ROSSONERI A TINTE EUROPEE

A rendere ancora più interessante questo inizio di stagione c’è l’Europa League, competizione importante per il Milan per poter tornare ad alti livelli anche in ambito internazionale. Nel girone F, i rossoneri dovranno affrontare Olympiacos, Betis Siviglia e Dudelange. Gli impegni nel torneo cominceranno in Lussemburgo il 20/09, con la affascinante trasferta contro il piccolo Dudelange. Gli avversari più pericolosi comunque sono sicuramente i greci e gli spagnoli. L’Olympiacos, reduce da una partecipazione alla Champions League lo scorso anno, è una squadra insidiosa, che ha iniziato il proprio campionato molto bene e ha recentemente rinforzato la propria rosa con l’acquisto di Yaya Tourè, giocatore di fama internazionale, seppur in età avanzata. Dall’altra parte ci sono i “Verdiblancos” di Siviglia. Gli andalusi sono stati protagonisti nella passata stagione di un grande campionato, in cui si sono posizionati al sesto posto, facendo un grande salto rispetto alla stagione precedente(15° posizione). Hanno cominciato la Liga con il piede sbagliato, ma si sono riscattati nell’ultima partita con la vittoria nel sentitissimo derby cittadino contro il Siviglia dell’ex rossonero Andrè Silva.
LEONARDO VUOLE RABIOT

Il Milan è sicuramente con la testa al campionato e alle altre competizioni in cui dovrà dimostrare il suo valore. I rossoneri sono comunque ancora attivi sul calciomercato, in cui Leonardo sta puntando ancora su un obbiettivo di mercato ormai da tempo sulla sua lista dei desideri. Adrien Rabiot starebbe continuando a rifiutare le offerte per il rinnovo da parte del PSG, che ha proposto al centrocampista francese 5 milioni di euro lordi a stagione. Con un contratto in scadenza a giugno, il giocatore potrebbe essere un buon acquisto a parametro zero o a pochi milioni, per rinforzare il centrocampo con il suo talento e la sua freschezza. Rabiot ha comunque richieste importanti, tra cui un ingaggo da top player(almeno 6 milioni) e la garanzia della partecipazione alla Champions League il prossimo anno. C’è comunque molta concorrenza, ma probabilmente nella finestra di mercato di gennaio la situazione del francese sarà più chiara.
KAKA’ FUTURO ROSSONERO?

Al successo contro la Roma, oltre a Leonardo e Maldini, era presente sugli spalti anche Ricardo Kakà. Il brasiliano insieme ai suoi vecchi compagni di squadra , ha assistito all’emozionante vittoria del Milan. Ieri l’ex rossonero ha parlato a Milan TV della sua impressione sul nuovo Diavolo che sta nascendo, esaltando il lavoro svolto da Rino Gattuso come allenatore:

” E’ fantastico vedere Rino allenare. Mette la stessa energia che aveva da giocatore, e tutto ciò lo rende un fenomeno. Supporta la squadra in continuazione, motivando i suoi giocatori con la giusta dose di pressione. Lui vuole il meglio da loro. Contro la Roma la squadra mi ha fatto una buona impressione. Hanno giocato un ottimo primo tempo e Rino ha vinto la partita con i cambi.”

Kakà ripartirà per il Brasile, dove dovrà restare per questioni private. Ricardo ha confermato l’assenza di un incarico preciso, ma resterà in connessione con la nuova società rossonera. Si ipotizza un ruolo da osservatore nel suo paese, in cui i talenti, si sa, non mancano mai. Ma per adesso non c’è nulla di certo.
IL MILAN NON SI FERMA DURANTE LA SOSTA

Con un mercato comunque internazionale, il Milan è il club più “italiano” tra le big di Serie A. La percentuale di giocatori azzurri in rosa è pari al 43%. Se n’è accorto Roberto Mancini, CT della nazionale, che ha chiamato per gli impegni in Nations League Gigio Donnarumma, Alessio Romagnoli, Mattia Caldara e Giacomo Bonaventura. Motivate le assenze di Cutrone e Calabria dalle convocazioni in Under 21. Tra gli altri rossoneri, che parteciperanno al torneo europeo, ci saranno Suso con la Spagna, Rodriguez con la Svizzera e Calhanoglu con la Turchia, di cui rappresenta il giocatore più prezioso. Nel continente nero, Franck Kessie parteciperà all’African Nations Cup, con la squadra della Costa d’Avorio. A testimoniare la crescita della squadra c’è sicuramente questo aumento importante delle convocazioni alle nazionali, che dimostra anche un interessamento maggiore da parte dei CT per il club rossonero. Milan sei finalmente pronto a far paura di nuovo?