HOME>SERIE C>Alessandria,parla Di Masi dopo le critiche: “I tifosi ci stiano vicini.Sul mercato?Stop a grandi nomi”.

Alessandria,parla Di Masi dopo le critiche: “I tifosi ci stiano vicini.Sul mercato?Stop a grandi nomi”.

Autore:

Pubblicato il: 16 Novembre 2018 alle 12:22

Al fronte delle dure critiche e fischi ricevuti dalla tifoseria alessandrina ha parlato nella giornata di Giovedì 15 Novembre il Presidente Luca Di Masi in una conferenza stampa e ha esordito con: “riguardo al cambiamento già espresso questa estate,l’importante è non creare illusione e conseguente delusione dell’ambiente.Io sono molto soddisfatto del lavoro svolto fino ad ora,il nostro obbiettivo è la crescita dei giovani e del settore giovanile.Non sappiamo se arriveremo terzi o quattordicesimi.All’inizio del campionato era tutto un grande punto di domanda,in queste prime 10 gare abbiamo dimostrato di poterci stare,l’unica gara “no” è stata con la Pro Piacenza ma nelle altre ho visto molto agonismo,e l’aver giocato a viso aperto con tutti”.

Una sconfitta che ci può stare quella contro la Carrarese,quale secondo il patron i toscani sono una squadra faccia per vincere il campionato è ha continuato: “non scendiamo in campo mai battuto ma è chiaro che alcune gare saranno più complesse,io sono ottimista,abbiamo fatto fare importanti.I Playoff? Perché no….”

Sul capitolo arbitri ha aggiunto: “ci siamo fatti sentire,un po’ di sviste ci sono state,abbiamo chiesto più attenzione ma è normale che anche la classe arbitrale debba crescere.Poi l’errore può anche capitare”.

Sui fischi dei tifosi. “Ai tifosi posso dire di continuare a crederci.Se qualcuno non condivide il nostro progetto vorrà dire che smetterà di venire allo stadio,credo che chi ha smesso di venire al “Moccagatta” si stia perdendo qualcosa di bello perché penso che questo sia il modo giusto per crescere in maniera più sostenibile e ambiziosa”.

Riguardo al mercato. “Se servirà la squadra verrà rinforzata ma tengo a precisare che giocatori come Gonzalez,Nicco o Piccolo non li vedremo più.Non siamo l’Alessandria di due anni fa,è un capitolo ormai chiuso”.

ALTRE NEWS