Home>CHAMPIONS LEAGUE>La Roma trionfa in Russia, ottavi ad un passo

La Roma trionfa in Russia, ottavi ad un passo

La Roma ipoteca il passaggio alla fase ad eliminazione diretta andando a vincere per 2-1 a Mosca contro il CSKA. Decidono le reti di Manolas e di Lorenzo Pellegrini. Padroni di casa in 10 per quasi tutta la ripresa.

Gara assolutamente decisiva per il passaggio del turno quella che va in scena alle 18:55 a Mosca tra i padroni di casa del CSKA e la Roma. I giallorossi, forti dei due punti di vantaggio in classifica e del secco 3-0 dell’andata, cercano il virtuale pass per gli ottavi mentre i russi puntano al sorpasso in graduatoria. Di Francesco rispetta le previsioni della vigilia che volevano Florenzi alto a destra con Santon terzino e una chance per Kluivert in attacco. Pronti e via e al 4′ la Roma va subito in vantaggio: corner dalla sinistra di Pellegrini, errata uscita di Akinfeev e Manolas lo anticipa siglando lo 0-1. Il gol può far pensare ad una gara facile ma così non sarà perchè i giallorossi vengono presto messi in difficoltà dalla veemente reazione del CSKA. Specialmente il funambolo Akhmetov crea più di un grattacapo agli ospiti con  la sua capacità di gestire il pallone e di andar via in dribbling. La Roma si ostina spesso a giocare il pallone da dietro nonostante il pressing alto dei russi e finisce per regalare il possesso più volte agli avversari. Tuttavia, dopo 20 minuti di grande sofferenza in cui comunque il CSKA non crea altro che un paio di tiri dalla distanza, sono proprio i giallorossi ad avere due grandi chance per chiudere la gara. Prima Kluivert al 27′, molto pimpante, scappa via e si accentra ,sfrutta il taglio di Dzeko a portagli via due uomini e serve l’inserimento di Florenzi, completamente solo dinanzi al portiere ma il capitano di giornata sbaglia il controllo e l’azione sfuma. Poi, un minuto dopo, Kolarov prova a colpire su punizione mirando al palo difeso da Akinfeev che ancora una volta respinge malamente sui piedi di Dzeko ma il bosniaco, da posizione defilata, spara altissimo. Tuttavia la più grande palla gol capita in chiusura ai russi: Chalov elude l’intervento di Manolas e si presenta di fronte a Olsen ma il greco lo chiude miracolosamente, il pallone si impenna e Shchennikov (entrato al posto di Fernandes infortunato) a porta praticamente vuota mette alto di testa. Si va all’intervallo sullo 0-1.

Kostas Manolas ha appena siglato il gol del vantaggio giallorosso dopo soli 4 minuti di gara

L’inizio di ripresa è davvero scoppiettante: così come erano bastati 4 minuti alla Roma per passare in vantaggio, altrettanti ne occorrono al CSKA per riequilibrare la gara grazie ad un gol di Sigurdsson su errore in marcatura di Santon e atteggiamento non proprio impeccabile di tutta la retroguardia. Pensare che pochi istanti prima del pari, Edin Dzeko aveva sciupato la palla del raddoppio ritardando troppo la conclusione. Con  la partita nuovamente in parità, i giallorossi provano a riprendere il comando del gioco e la svolta del match arriva al 56′ quando Magnusson commette fallo da ultimo uomo su Kluivert lanciato a rete, rimediando il secondo giallo e lasciato i suoi compagni in 10. Qui la Roma  inizia a spingere forte e trova il nuovo vantaggio al 59′ con Lorenzo Pellegrini su sponda quasi involontaria di Dzeko. La posizione del trequartista giallorosso appare quantomeno dubbia ma il direttore di gara convalida ed è 1-2. Nei minuti successivi il CSKA fatica a ritrovare gli equilibri e la Roma ha almeno due palle gol molto importanti in contropiede che però sciupa malamente con scelte a volte scellerate. Nella girandola di cambi i padroni di casa provano, più con l’orgoglio che con le idee, un ultimo disperato assalto mentre la Roma perde man mano sicurezza e soffre oltremodo nonostante la superiorità numerica. Al fischio finale la Roma  conquista tre punti di importanza vitale e ha un piede e mezzo negli ottavi di Champions.

Lorenzo Pellegrini riporta in vantaggio la Roma con questo diagonale mancino

CSKA (4-2-3-1): Akinfeev; Fernandes (12’Schennikov), Becao, Magnusson, Nababklin; Akhmetov (76’Khosonov),  Bijol; Oblyakov,  Sigurdsson (64’Chernov), Vlasic; Chalov. All: Goncharenko

ROMA (4-2-3-1): Olsen, Santon, Manolas, Fazio, Kolarov, Cristante, N’Zonzi; Florenzi (88’Jesus), Pellegrini (82’Zaniolo), Kluivert (70’Under); Dzeko. All: Di Francesco