Home>SERIE D>Audace Cerignola: vittoria in gran Foggia

Audace Cerignola: vittoria in gran Foggia

Tre punti pesantissimi, ottenuti in extremis, e terzo successo di fila inanellato dai ragazzi di Bitetto, che domenica pomeriggio, al Monterisi, hanno ospitato e battuto il Nola nella 7a giornata di serie D girone H.

Gli avversari, benché abbordabili sulla carta, si sono rivelati insidiosi fino all’ultimo, e il confronto ha offerto spettacolo ed emozioni, malgrado il grigiore di giornata e l’atmosfera non esattamente da grandi occasioni.

I gialloazzurri hanno così raggiunto quota quattordici punti, portandosi ad una sola lunghezza dal Picerno capolista.

Il vantaggio è arrivato subito, alla prima vera grande occasione dei padroni di casa: su calcio d’angolo battuto da Loiodice, infatti, Foggia l’ha ben girata di sinistro sul palo lontano.

Il match sembrava così dover subito prendere la piega giusta, e malgrado non sia emersa, la rezione nolana, il Cerignola non ne ha immediatamente approfittato per arrotondare il risultato. Perché dapprima Esposito ha mal concluso uno spunto solitario (evadendo la marcatura e puntando centralmente la difesa); poi, al 36′, una bella ripartenza viene sciupata clamorosamente da Loiodice.

La prima metà di gara si chiudeva così senza altri sussulti.

Il copione dei primi minuti del secondo tempo non sembra differire molto, sulle prime. Ma si registrava una maggiore vivacità dei campani, che provavano con qualche timida iniziativa prima (su tutte una torsione di testa di Gennaro Esposito, che sibila vicino all’incrocio dei pali di Abagnale) e sostituendo poi all’ora di gioco l’esperto Troianello, a riacciuffare le redini del confronto.

Ma è ancora il Cerignola a rendersi pericoloso qualche minuto dopo, quando un’imbucata per Foggia apre una voragine nella difesa ospite. Ma l’attaccante esita troppo, si fa anticipare da Gragnaniello, e non raddoppia.

La partita cambia di lì a poco, perché il direttore di gara, per un contatto fra Abruzzese ed Esposito, assegna un severo penalty ai nolani. È lo stesso giocatore, qualche attimo più tardi, a spiazzare Abagnale e trovare la rete del pareggio.

È però repentina e sensibile la rezione dell’Audace, che schiaccia sulla trequarti gli avversari per buona parte della rimanente mezz’ora.

L’ordinato sistema difensivo nolano, però, sembra faticare a scomporsi. Dapprima Gragnaniello compie un miracolo sul tiro al volo di Luca Russo e un gran intervento su Lattanzio qualche attimo più tardi; poi, a qualche minuto dalla fine, un bel destro a giro dello stesso Russo scheggia la base del palo.

Le barricate cedono solo nel finale: ancora su calcio d’angolo da sinistra, Foggia prende il tempo alla marcatura prima di essere vistosamente strattonato. È calcio di rigore e tripudio generale del Monterisi.

È quindi lo stesso Foggia, ad incaricarsi della battuta: è centrale, ma efficace ,il goal decisivo ma pesantissimo. Una doppietta che gli vale la nomina a migliore di giornata.

 

Il prossimo turno aspetta il gruppo gialloazzurro nella difficile trasferta contro il Savoia, a Torre Annunziata.

Servirà la stessa voglia di vincere e granitica coesione. Ad un punto dalla cima, ora, non c’è più da distarsi.